Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

19/03/2008

L'emicrania e le sue comorbilità - Sintesi commentata



Prof.ssa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano


Commento a:
Tietjen G.E. Herial N.A. Hardgrove J. Utley C. White L.
Migraine comorbidity constellations
Headache. 2007 Jun; 47 (6): 857-65


Un aspetto emergente della clinica specialistica contemporanea riguarda la presenza e la significatività delle comorbilità di una specifica patologia, e della vulnerabilità di genere delle specifiche comorbilità indagate. Esiste infatti un crescente interesse di ricerca e clinico nell’indagare quanto le donne siano specificamente colpite da determinati gruppi di patologie. Questo è ancora più critico nelle sindromi caratterizzate da dolore, quali l’emicrania. Lo studio di Tietjen e Coll. ha cercato di identificare le diverse costellazioni di comorbilità che si presentavano in un gruppo di 223 emicranici, cercando anche di esaminare le differenze demografiche, dei profili psicosociali e della gravità dei sintomi dolorosi a seconda del tipo di comorbilità.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

05/10/2009 - Sesso femminile e dolore: stato dell'arte - Sintesi commentata

16/02/2009 - I trigger dell'emicrania - Sintesi commentata

28/04/2008 - Fibromialgia: il movimento fisico aiuta - Sintesi commentata

31/03/2008 - Epidemiologia e comorbilità delle cefalee - Sintesi commentata

Audio stream

28/03/2009 - Cefalea all'orgasmo: un segnale d'allarme da non sottovalutare

In Primo Piano

09/09/2008 - Il ruolo del ginecologo extraospedaliero nella diagnosi e nella terapia del dolore cronico della donna

Flash dalla ricerca medica internazionale

14/06/2018 - L'emicrania nella vita della donna: fattori predisponenti e terapie

21/09/2017 - Psoriasi ed emicrania: correlazioni cliniche

26/01/2017 - Emicrania cronica e alterazioni cerebrali: i risultati di uno studio tedesco

16/06/2016 - Emicrania e cefalea: correlazioni con ansia e depressione. Uno studio europeo

19/05/2016 - Emicrania: il ruolo dei mastociti e delle differenze di genere

07/04/2016 - Impatto dell'emicrania sui sintomi della fibromialgia: uno studio italiano

24/12/2015 - Mal di testa da abuso di farmaci anticefalea: un protocollo di disintossicazione

16/07/2015 - Emicrania e violenza infantile: possibili correlazioni

02/07/2015 - Emicrania cronica e disturbi mestruali: indicazioni di uno studio statunitense

25/06/2015 - Emicrania e mestruazioni: i risultati dello studio statunitense AMPP

09/04/2015 - Emicrania e colesterolo: indicazioni preliminari di uno studio italiano

12/03/2015 - Emicrania e disturbi del sonno in gravidanza: una frequente comorbilità

19/09/2013 - Prevalence of migraine in patients with celiac disease and inflammatory bowel disease

18/04/2013 - Quality of life and emotional functioning in youth with chronic migraine and juvenile fibromyalgia

14/03/2013 - A cyclic pain: the pathophysiology and treatment of menstrual migraine

24/05/2012 - Migraine, migraine features, and cardiovascular disease

Le vostre domande

05/07/2013 - Emicrania con aura: controindicazione assoluta alla terapia ormonale sostitutiva

Parole chiave:
Abuso emotivo - Abuso fisico - Abuso sessuale - Ansia - Comorbilità - Depressione - Diabete / Diabete gestazionale - Emicrania - Fibromialgia - Iperlipidemia - Ipertensione - Ipotiroidismo - Mastocita - Medicina di genere - Sovrappeso e obesità

Stampa

© 2008 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici