Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

29/11/2013

Vestibolite vulvare: ecco cosa è stato decisivo per guarire




Ho un compagno che amo tantissimo, e con il quale ho avuto per anni una vita intima appagante. Ma nel corso degli ultimi otto mesi sono stata tormentata da un problema grave e inaspettato: al tentativo di penetrazione, peraltro fatto con gentilezza e cautela, sentivo un fortissimo dolore e bruciore all’entrata della vagina. Dolore e bruciore che, accompagnati a forte rossore, continuavano anche nei giorni successivi, soprattutto quando andavo in bagno; inoltre avevo perdite bianche molto abbondanti di cui non riuscivo a capire la natura e l’origine.
Non avevo un ginecologo di fiducia (la dottoressa da cui andavo da tempo aveva cambiato città), e così per un bel po’ non ho fatto niente per risolvere la situazione. Il medico di famiglia si limitava a consigliare antibiotici e lavande, che lasciavano il tempo che trovavano. Solo il continuo dolore, alla fine, mi ha convinta a fare qualcosa. Girando su Internet ho trovato questo sito e, insieme al mio compagno, ho deciso di chiedere aiuto alla professoressa Graziottin.
Dopo la visita, la professoressa ha diagnosticato una vestibolite vulvare molto aggressiva e una persistente vaginite da Candida. La cura, sottolineò subito, sarebbe stata lunga e avrebbe riguardato anche i miei stili di vita: ma se avessi perseverato, mi disse con un sorriso che mi scaldò il cuore, sarei guarita e avrei potuto riconquistare l’intimità serena di una volta.
Oggi, a distanza di tre mesi dalla prima visita, la vestibolite vulvare è quasi guarita («A tempo di record!», ha detto la professoressa congratulandosi con me), anche se devo sempre fare molta attenzione a quello che mangio: per esempio, non posso più mangiare la pizza, che mi piaceva tanto... La terapia della candida è più lunga, ma non infinita: entro qualche mese mesi terminerò – con dosi via via decrescenti – l’assunzione del farmaco e potrò considerarmi guarita anche su questo fronte. O, per lo meno, correrò molti meno rischi di avere delle recidive.
Ho deciso di scrivere a questa rubrica per dare alle donne che soffrono come soffrivo io una testimonianza forte di ciò che, nel mio caso, credo sia stato decisivo per guarire: una terapia farmacologica chiara e ben definita, e non il solito «Provi questo…» che si sente tante volte dire negli ambulatori; una consulenza innovativa sugli stili di vita, che non rientrano quasi mai nei protocolli ufficiali di cura; una dottoressa professionale e profondamente umana, capace di diagnosticare, informare, esortare e incoraggiare come mai avevo visto fare nella mia vita; un compagno amorevole e paziente, che ha saputo reggere lo stress dei lunghi mesi di malattia e mi è stato vicino anche nei momenti non sempre facili della cura.
Tutto questo è capitato a me, ma può capitare a chiunque non si arrenda al dolore e sappia cercare il medico giusto per le proprie esigenze.
Silvia S.T.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

01/04/2013 - La candida recidivante può scatenare una vestibolite vulvare/vulvodinìa? - Commento

18/03/2013 - Candidiasi vulvovaginale recidivante: diagnosi e terapia

04/03/2013 - Candidiasi vulvovaginale recidivante: le ragioni di una crescente vulnerabilità

10/12/2012 - Il trattamento "short course" della candidosi vulvovaginale acuta: studio comparativo tra il fluconazolo e il fenticonazolo intravaginale

19/09/2011 - The recurrent vulvovaginal candidiasis: proposal of a personalized therapeutic protocol

Testimonianze

23/12/2016 - Vestibolite: ora il dolore intimo è un mostro che so affrontare e sconfiggere

05/02/2016 - Vestibolite vulvare: prima un dolore tremendo, ora sono di nuovo sana e felice

25/07/2014 - Energia vitale e ormoni: i miei nuovi "occhiali"

27/06/2014 - Vaginismo e vestibolite vulvare: guarigione e crescita interiore si intrecciano

02/05/2014 - Vestibolite vulvare: è (anche) uno stimolo per riprendersi cura di sé

04/10/2013 - Dopo la vestibolite, l'amore ritrovato

26/07/2013 - Che bello, dalla vestibolite si può guarire per sempre!

22/02/2013 - Una cura drastica ed efficace: ecco come ho sconfitto Candida e vestibolite

25/01/2013 - Vestibolite vulvare, che gioia stare bene dopo tanti anni!

27/07/2012 - Vestibolite vulvare: con la cura giusta, miglioro di mese in mese

15/06/2012 - Ho la candida e la vestibolite vulvare, ma presto starò bene!

06/04/2012 - Vestibolite vulvare, un dolore vero da curare con competenza e sensibilità

Le vostre domande

24/12/2015 - Clitoralgia e vestibolite vulvare: come affrontarle con successo

13/11/2014 - Candida e vestibolite, il protocollo terapeutico da seguire

Parole chiave:
Candida / Candida recidivante - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Vaginite / Vaginite atrofica - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2013 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico