Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

18/03/2013

Candidiasi vulvovaginale recidivante: diagnosi e terapia


Graziottin A.
Candidiasi vulvovaginale recidivante: diagnosi e terapia
GynecoNews - Aggiornamenti dalla letteratura scientifica, Prodotto derivato di "Menopausa e Contraccezione. Interazioni con il pianeta donna", SMM Scientific Multimedia, Milano, 1, 2012, pag. 13-21


La candidiasi vulvovaginale recidivante costituisce un’infezione frustrante e invalidante per la donna e per l’intimità di coppia, e una sfida terapeutica per il ginecologo. Terapie farmacologiche e riabilitative del pavimento pelvico ben effettuate consentono di ridurre in modo efficace e sostenuto le recidive.
Tuttavia, dato che la tendenza alle recidive di candidiasi, anche dopo 6 mesi di terapia farmacologica, può raggiungere il 50% delle donne trattate, per ottimizzare il risultato è necessario raccomandare alla donna la modificazione degli stili di vita che costituiscono fattori predisponenti, precipitanti o di mantenimento dell’infezione da Candida e/o delle sue recidive.

top

Parole chiave:
Dispareunia femminile - Fluconazolo - Vaginite / Vaginite recidivante - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2013 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici