Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

27/07/2012

Vestibolite vulvare: con la cura giusta, miglioro di mese in mese


Le vostre lettere alla nostra redazione


Sono una donna di 44 anni. Nel novembre del 2011, mi sono stati diagnosticati una vestibolite vulvare e un marcato ipertono del muscolo elevatore con forte mialgia.
I primi sintomi erano comparsi durante l’estate 2010. Dal primo al quindicesimo giorno del ciclo (abbondante) avevo dolori forti ad ano e coccige, accompagnati da nausea di variabile intensità, e una sensazione di tensione muscolare, concentrata intorno all’ano e che si irradiava ai glutei. Il dolore era molto forte, tipo crampo con tensione sorda di fondo. Il dolore si riduceva di notte fino a scomparire, ma peggiorava con la defecazione. Dopo i pasti peggioravano sia la nausea sia il dolore perineale ed anale.
Inizialmente avevo pensato che questi dolori potessero derivare da una caduta sul coccige avvenuta anni prima, oppure da emorroidi. Persistendo il dolore e non conoscendo l’origine di esso, avevo effettuato visite specialistiche in ginecologia, chirurgia generale, neurochirurgia, recupero e rieducazione funzionale. Esami e terapie svolti: sangue occulto nelle feci, analisi del sangue, rettosigmoidoscopia, risonanza magnetica, ecografia, fisioterapia ed osteopatia.
Non trovando una soluzione per eliminare il mio dolore, consigliata da alcune amiche mi sono rivolta a una ginecologa della mia città – era appunto il novembre 2011 – per poter risolvere definitivamente la mia malattia, in quanto anche dal punto di vista personale e lavorativo questa patologia era invalidante: ero infatti costretta a stare molto tempo a letto, e il dolore diminuiva solamente con l’assunzione giornaliera di antidolorifici.
Come dicevo all’inizio, la dottoressa mi ha diagnosticato una vestibolite vulvare e un ipertono muscolare: sin dall’inizio la sua terapia ha avuto efficacia e ogni mese, seguendo rigorosamente la cura, vedo miglioramenti e benefici.
Spero che la mia testimonianza possa essere d’aiuto ad altre donne che soffrono della mia stessa patologia. E’ importante rivolgersi subito a medici competenti per risolvere in tempi brevi una malattia come questa!
Rebecca B.

top

Parole chiave:
Dischezia - Dolore cronico - Pavimento pelvico iperattivo - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico