Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Segnala Stampa

13/03/2017

Ulipristal acetato nella fibromatosi


Biglia N, D’Alonzo M, Modaffari P, Fenoglio A.
Ulipristal acetato nella fibromatosi
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Fibromatosi uterina, dall'A alla Z", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 21 ottobre 2016, p. 65-70


L'ulipristal acetato 5mg/die per 3 mesi controlla l’eccessivo sanguinamento dovuto ai fibromi in più del 90% delle pazienti, inducendo amenorrea nel 75% dei casi e ripristinando rapidamente i valori emoglobinici. In seguito al trattamento si registra una riduzione significativa del volume dei fibromi. La riduzione viene mantenuta anche dopo il termine della terapia.
Gli studi indicano che cicli ripetuti intermittenti di UPA massimizzano i benefici in termini di efficacia. Il profilo di sicurezza e tollerabilità viene confermato.

top

Parole chiave:
Anemia sideropenica - Fibromatosi uterina - Menometrorragia - Terapia farmacologica - Ulipristal acetato

Segnala Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici