Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

09/09/2019

La fibromatosi uterina: il ruolo della terapia medica


Graziottin A.
La fibromatosi uterina: il ruolo della terapia medica
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "La donna dai 40 anni in poi: progetti di salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 24 maggio 2019, p. 54-58


I fibromi uterini rappresentano il tumore benigno più frequente dell’apparato riproduttivo femminile nelle donne in età fertile.
L'ulipristal acetato induce un miglioramento marcato e una riduzione della progressione della malattia in quanto è in grado di controllare un’ampia gamma di sintomi associati alla presenza dei fibromi uterini, riportando la qualità di vita delle pazienti ai livelli di una donna sana senza patologia fibromatosa.
L’utilizzo del farmaco è stato inserito in numerose Linee Guida e Consensus. In particolare, nella Consensus italiana sul trattamento dei fibromi uterini, la terapia medica viene posta come prima opzione da considerare nella gestione clinica del fibroma uterino. Solo al fallimento di quest’ultima si dovrebbero considerare le altre terapie di tipo chirurgico.

top

Parole chiave:
Anemia sideropenica - Dispareunia profonda - Effetti collaterali dei farmaci - Fertilità / Infertilità - Fibromatosi uterina - Menometrorragia - Terapia farmacologica - Ulipristal acetato

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici