Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

14/01/2016

Terapia dell'endometriosi sintomatica: uno studio comparativo italiano


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Vercellini P, Bracco B, Mosconi P, Roberto A, Alberico D, Dhouha D, Somigliana E.
Norethindrone acetate or dienogest for the treatment of symptomatic endometriosis: a before and after study
Fertil Steril. 2015 Dec 8. pii: S0015-0282(15)02092-0. doi: 10.1016/j.fertnstert.2015.11.016. [Epub ahead of print]


Confrontare l’efficacia di due diverse terapie dell’endometriosi sintomatica, il noretisterone (o noretindrone) acetato e il dienogest: è questo l’obiettivo dello studio condotto da Paolo Vercellini e collaboratori, del Dipartimento di “Scienze cliniche e di comunità” presso l’Istituto Mangiagalli dell’Università di Milano.
Lo studio è stato condotto su un totale di 180 donne, con una forma di indagine definita in inglese “Before and after study”:
- prima sono state trattate 90 donne consecutive con il noretisterone (2.5 mg al giorno);
- successivamente, a partire del 6 giugno 2013, ne sono state trattate altre 90, sempre consecutive, con il dienogest (2 mg al giorno).
I ricercatori si sono riproposti di misurare il grado di soddisfazione soggettivo dopo 6 mesi di trattamento, nonché l’andamento del dolore, lo stato psicologico, la funzione sessuale e, in generale, la qualità di vita.
Questi, in sintesi, i risultati:
- la percentuale di donne “soddisfatte” e “molto soddisfatte” dopo 6 mesi di trattamento è pari al 71% nel gruppo trattato con il noretisterone acetato e al 72% nel gruppo trattato con il dienogest;
- l’utilizzo del dienogest non risulta associato a miglioramenti statisticamente significativi del dolore, dello stato psicologico, della funzione sessuale e della qualità di vita;
- tuttavia, il dienogest risulta ben tollerato da una percentuale molto maggiore di donne: 80% contro 58%;
- inoltre, dopo l’adozione del dienogest, il rischio assoluto di effetti collaterali è diminuito del 13.9% (95% CI, 0.8%-28.6%).
In conclusione, tenuto anche conto della differenza di costo tre i due farmaci, il dienogest risulta essere una valida alternativa nelle donne che non tollerano il noretisterone acetato.

top

Parole chiave:
Dienogest - Endometriosi - Noretisterone acetato - Terapia farmacologica

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico