Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

01/02/2018

Dolore da endometriosi: efficacia terapeutica del noretisterone acetato


Vercellini P, Ottolini F, Frattaruolo MP, Buggio L, Roberto A, Somigliana E.
Is shifting to a progestin worthwhile when estrogen-progestins are inefficacious for endometriosis-associated pain?
Reprod Sci. 2018 Jan 1: 1933719117749759. doi: 10.1177/1933719117749759. [Epub ahead of print]


Valutare l’efficacia del noretisterone acetato nella cura del dolore associato a endometriosi nelle pazienti che non rispondono in modo soddisfacente al trattamento contraccettivo a basso dosaggio: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da Paolo Vercellini, ordinario di Ginecologia all’Università di Milano e presso la Fondazione IRCCS Ca' Granda - Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.
Lo studio è stato condotto su 153 donne che, a fronte di una terapia estroprogestinica orale, continuavano a lamentare uno o più sintomi dolorosi, da moderati a severi. Il noretisterone acetato è stato somministrato al dosaggio di 2.5 mg al giorno. Il dolore pelvico è stato misurato alla baseline e nei 12 mesi successivi con una scala numerica da 0 a 10 e una scala categorica multidimensionale. Con altri strumenti validati sono stati inoltre monitorate la qualità di vita correlata alla salute, le condizioni psicologiche complessive e la funzione sessuale. Al termine del periodo di sperimentazione, le partecipanti hanno indicato il loro grado di soddisfazione su una scala a cinque livelli (da “molto soddisfatta” a “molto insoddisfatta”).
Questi, in sintesi, i risultati della ricerca:
- 28 donne hanno abbandonato la sperimentazione, la maggioranza delle quali (15) a causa degli effetti collaterali del farmaco;
- al dodicesimo mese, il 70 per cento delle partecipanti si è dichiarato “molto soddisfatto” o “soddisfatto” del trattamento con noretisterone acetato;
- si sono registrati miglioramenti statisticamente significativi anche nella qualità di vita correlata alla salute, nelle condizioni psicologiche e nella funzione sessuale;
- circa la metà delle pazienti (58/125) ha riferito una tolleranza sub-ottimale al farmaco: tuttavia, i problemi non si sono rivelati severi al punto da provocare insoddisfazione, interruzione della cura o richiesta di un intervento chirurgico.
Questi risultati incoraggianti possono orientare il counselling delle donne con endometriosi sintomatica che non rispondono ai contraccettivi orali e consentire un’efficace e informata modificazione del regime terapeutico.

top

Parole chiave:
Dolore pelvico cronico - Endometriosi - Noretisterone acetato - Terapia contraccettiva

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico