Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

05/01/2015

Semeiotica del dolore in puerperio


Filippo Murina
Semeiotica del dolore in puerperio
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 95-98


Il dolore genitale del post-parto può essere presente in una percentuale elevata di donne, con tassi d’incidenza sino al 18% a 14 mesi dal parto. Il dolore ha varie manifestazioni, ma le connotazioni di maggior rilevanza coinvolgono la dispareunia e il dolore pelvico cronico.
La presentazione si propone di:
- illustrare i meccanismi fisiopatologici responsabili del dolore e della dispareunia nel post-parto, con particolare riferimento alle alterazioni neuro-ormonali alla base delle disfunzioni del sistema nervoso periferico e centrale, e delle associate alterazioni della muscolatura del pavimento pelvico;
- fornire le linee guida per un approccio semiologico della nocicezione genitale nel post-parto.

top

Parole chiave:
Allattamento al seno - Dispareunia post parto - Dolore pelvico cronico - Dolore post parto - Infiammazione - Mastocita - Puerperio - Secchezza vaginale - Semeiotica medica - Trauma perineale

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici