Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

11/01/2010

Disfunzioni sessuali femminili: ruolo della riabilitazione


Graziottin A. Serafini A.
Disfunzioni sessuali femminili: ruolo della riabilitazione
in: Bortolami A. (Ed.), Riabilitazione del pavimento pelvico, Elsevier Masson, Milano, 2009, p. 66-70


La complessità delle disfunzioni sessuali femminili (FSD), anche con dolore, richiede un team diagnostico e terapeutico dedicato che condivida uno scenario culturale patofisiologico e psicodinamico.
I muscoli del pavimento pelvico sono estremamente coinvolti nella fisiologia e nella patofisiologia della risposta sessuale femminile.
I fisioterapisti possono quindi contribuire largamente al miglioramento della salute sessuale della donna: essi meritano quindi un apprezzamento per il ruolo sempre più importante che hanno acquisito nel trattamento delle FSD.

Per gentile concessione di Elsevier

top

Parole chiave:
Depressione - Dispareunia femminile - Disturbi sessuali con dolore - Disturbi sessuali femminili - Dolore cronico - Fisioterapia - Incontinenza urinaria - Mastocita - Menopausa naturale - Menopausa precoce iatrogena - Mialgia dell'elevatore dell'ano - Pavimento pelvico iperattivo - Pavimento pelvico ipoattivo - Riabilitazione - Secchezza vaginale - Sistema del dolore - Terapia farmacologica - Terapia sessuale - Vaginismo - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2010 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici