Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

01/06/2009

Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Seconda parte



Filippo Murina - Servizio di Patologia Vulvare, Ospedale V. Buzzi - Milano


Il dibattito che si svolge sull’etiopatogenesi della vulvodinia è ancora in gran parte controverso e lungi dall’essere chiarito, tanto per la forma generalizzata che per quella localizzata, cioè la vestibulodinia.
In primo luogo è importante escludere alcune ipotesi non supportate dall’evidenza, e che verranno rapidamente prese in considerazione.
Il punto chiave nell’etiopatogenesi della sindrome vulvodinica è l’alterazione neurosensoriale, cioè una disregolazione dei meccanismi normalmente coinvolti nella genesi-percezione algica, e che si traduce nella presenza di un dolore neuropatico: cioè non legato ad alcuna noxa patogena. Questa disregolazione comprende una componente “periferica” dell’evocazione dolorosa ed una “centrale” dell’elaborazione-amplificazione corticale del segnale.
Nella prima parte del lavoro, dopo una breve introduzione, abbiamo sviluppato:
- un inquadramento e un percorso terminologico sulla vulvodinia;
- un'analisi delle sue manifestazioni cliniche.
In questa seconda parte illustriamo:
- l'etiopatogenesi della malattia;
- i principi di valutazione diagnostica;
Nella terza e ultima parte, illustreremo le linee terapeutiche.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

14/06/2010 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Strategie terapeutiche

31/05/2010 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Eziopatogenesi e semeiologia

11/01/2010 - Disfunzioni sessuali femminili: ruolo della riabilitazione

09/11/2009 - Mast cells and their role in sexual pain disorders

08/06/2009 - Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Terza parte

25/05/2009 - Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Prima parte

22/09/2008 - A search for Helicobacter Pylori in localized vulvodynia - Commento

15/09/2008 - La percezione del dolore pelvico cronico nella donna: fattori predittivi e implicazioni cliniche

25/08/2008 - La vestibolite vulvare: aspetti fisiopatologici e clinici

01/09/2008 - La vestibolite vulvare: prospettive terapeutiche

16/06/2008 - Neuropathic pain in vulvar vestibulitis: Diagnosis and treatment

05/05/2008 - Comorbilità fra vestibolite vulvare e dolore oro-faciale - Sintesi commentata

06/03/2008 - Aspetti neurobiologici e modelli interpretativi del dolore pelvico cronico e del dolore sessuale

06/03/2008 - Vulvar Vestibulitis Syndrome: a Clinical Approach

06/03/2008 - Sexual pain disorders

06/03/2008 - Vulvodynia: a state-of-the-art consensus on definitions, diagnosis and management

Audio stream

06/03/2010 - Il mastocita - Terza parte

20/02/2010 - Il mastocita - Prima parte

Medical Channel

26/05/2011 - Vulvodinia: diagnosi e terapia

08/03/2011 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" – Strategie terapeutiche

Video Stream

25/11/2010 - Vulvodinia. Strategie di diagnosi e cura - Un nuovo libro al servizio dei medici

Parole chiave:
Anamnesi - Dispareunia femminile - Dolore cronico - Dolore neuropatico - Fattori biologici - Fattori di mantenimento - Fattori precipitanti - Fattori predisponenti - Fattori psichici - Fattori psicosomatici - Mastocita - Sistema del dolore - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici