Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

25/05/2009

Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Prima parte



Filippo Murina - Servizio di Patologia Vulvare, Ospedale V. Buzzi - Milano


La vulvodinia può essere definita come una sindrome eterogenea, multifattoriale, multi sistemica, caratterizzata da persistente dolore vulvare senza alcuna causa apparente.
Essa rappresenta, in altri termini, il risultato di una disregolazione dei meccanismi deputati alla percezione del dolore ascrivibile al dolore neuropatico, ma in cui sono fortemente presenti processi di somatizzazione, cioè la tendenza ad esprimere e a comunicare disagi psicologici attraverso sintomi somatici. Pertanto, si tratta di una sindrome algica sostenuta da processi somatosensoriali alterati che innesca, come in una spirale perversa, un processo biomolecolare di auto-mantenimento.
La complessità di questa visione etiopatogenetica impone un approccio multimodale, a sua volta frutto dell’integrazione di due prospettive interpretative: quella “oggettiva” del ginecologo (che indaga la fenomenologia e la neuro-fisio-patologia del dolore) e quella “soggettiva” dello psicologo (che investiga sulle alterazioni psicosomatiche della percezione del dolore).
In questa prima parte del lavoro, dopo una breve introduzione, offriremo:
- un inquadramento e un percorso terminologico sulla vulvodinia;
- un'analisi delle sue manifestazioni cliniche.
Nelle prossime due parti illustreremo:
- l'etiopatogenesi della malattia;
- i principi di valutazione diagnostica;
- le linee terapeutiche.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

14/06/2010 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Strategie terapeutiche

31/05/2010 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Eziopatogenesi e semeiologia

11/01/2010 - Disfunzioni sessuali femminili: ruolo della riabilitazione

08/06/2009 - Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Terza parte

01/06/2009 - Vulvodinia: etiopatogenesi e approccio terapeutico – Seconda parte

22/09/2008 - A search for Helicobacter Pylori in localized vulvodynia - Commento

15/09/2008 - La percezione del dolore pelvico cronico nella donna: fattori predittivi e implicazioni cliniche

25/08/2008 - La vestibolite vulvare: aspetti fisiopatologici e clinici

01/09/2008 - La vestibolite vulvare: prospettive terapeutiche

16/06/2008 - Neuropathic pain in vulvar vestibulitis: Diagnosis and treatment

05/05/2008 - Comorbilità fra vestibolite vulvare e dolore oro-faciale - Sintesi commentata

06/03/2008 - Aspetti neurobiologici e modelli interpretativi del dolore pelvico cronico e del dolore sessuale

06/03/2008 - Vulvar Vestibulitis Syndrome: a Clinical Approach

06/03/2008 - Sexual pain disorders

06/03/2008 - Vulvodynia: a state-of-the-art consensus on definitions, diagnosis and management

Medical Channel

26/05/2011 - Vulvodinia: diagnosi e terapia

08/03/2011 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" – Strategie terapeutiche

Video Stream

25/11/2010 - Vulvodinia. Strategie di diagnosi e cura - Un nuovo libro al servizio dei medici

Parole chiave:
Dispareunia femminile - Dolore neuropatico - Epidemiologia - Fattori biologici - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici