EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Fibromialgia: nuoto e camminate migliorano i sintomi e alleviano il dolore

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
12/05/2016

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Fernandes G, Jennings F, Nery Cabral MV, Buosi AL, Natour J.
Swimming improves pain and functional capacity of patients with fibromyalgia: a randomized controlled trial
Arch Phys Med Rehabil. 2016 Feb 19. pii: S0003-9993(16)00101-5. doi: 10.1016/j.apmr.2016.01.026. [Epub ahead of print]
Valutare i benefici del nuoto e delle camminate sul dolore, la capacità funzionale, la capacità aerobica e la qualità di vita delle donne affette da fibromialgia: è questo l’obiettivo dello studio di G. Fernandes e collaboratori, della Divisione di Reumatologia dell’Università Federale di San Paolo, in Brasile.
La ricerca ha coinvolto 75 pazienti, di età compresa fra i 18 e i 60 anni, divise stocasticamente in due gruppi: gruppo nuoto (n = 39) e gruppo camminate (n = 36).
Il primo gruppo ha fatto 50 minuti di nuoto tre volte la settimana, per 12 settimane, mantenendo una frequenza cardiaca inferiore di 11 battiti alla soglia anaerobica. Il secondo gruppo ha camminato con la stessa frequenza e per la stessa durata, con una frequenza cardiaca pari alla soglia anaerobica.
Le partecipanti sono state valutate all’inizio della sperimentazione, e successivamente a sei e dodici settimane. I risultati sono stati misurati con:
- una scala visuale analogica per la valutazione del dolore;
- il Fibromyalgia Impact Questionnaire;
- il questionario SF-36 sulla qualità di vita;
- il test spiro-ergometrico per la valutazione delle variabili cardiorespiratorie;
- il test Timed Up and Go (TUG), che misura il tempo impiegato per alzarsi da una sedia, camminare per tre metri, girarsi, tornare alla sedia e sedersi di nuovo.
Questi, in sintesi, i risultati:
- in 12 settimane, il dolore è diminuito nelle pazienti di entrambi i gruppi, senza significative differenze fra loro (p= 0,658);
- gli stessi positivi risultati sono stati ottenuti per quanto riguarda la capacità funzionale e la qualità di vita;
- la capacità aerobica, invece, non è significativamente cambiata nel tempo.
Il movimento fisico regolare, dunque, riduce il dolore e migliora la capacità la capacità funzionale e la qualità di vita delle donne affette da fibromialgia. Esso dovrebbe quindi essere contemplato in tutte le terapie multimodali finalizzate ad alleviare i sintomi di questa patologia.
Potrebbero interessarti anche

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter