Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

16/09/2016

Fibromialgia: una nuova rivista italiana


Le vostre lettere alla nostra redazione


Siamo due malate di fibromialgia (secondaria e primaria) e qualche mese fa abbiamo deciso di pubblicare una rivista rivolta in primis ai malati fibromialgici, partendo dalla conoscenza di anni della rivista inglese “UK Fibromyalgia” e dal posto importante che essa occupa nella nostra vita.
Non abbiamo nessuno dietro di noi, né privato, né pubblico: solo il nostro desiderio di fare qualcosa che possa essere utile (e anche piacevole) per noi e per le altre persone che come noi vivono questa vita piuttosto complicata.
Abbiamo pubblicato già due numeri, in versione cartacea ed elettronica. Non siamo professioniste nel campo dell’editoria, ma i factotum della rivista, dalla grafica ai contenuti. Non siamo tuttavia due persone “smarrite”: anche per formazione e professione riteniamo di avere gli strumenti sufficienti per gestire questa attività.
Io, Marina, sono sociologa, specializzata in sociologia sanitaria e in Teaching Primary Health Care all’Università di Liverpool; Donatella è biologa, con una passione speciale per i siti web e i social network. Ci auguriamo che il nostro lavoro possa interessare elle vostre lettrici!
Marina e Donatella
“Fibromialgia. La rivista italiana”, La Compagnia dei Fibromialgici, Via Cristoforo da Bologna 22, Bologna
fibromialgiamagazine.it

top

Parole chiave:
Comunicazione - Fibromialgia

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico