Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

29/07/2011

Candida e vestibolite vulvare: come le sto vincendo




La sofferenza legata alle patologie genitali femminili può trasformarsi in un vero e proprio calvario, e può incidere non solo sulla vita privata di una donna ma anche sulla vita professionale, e soprattutto su aspetti psicologici molto forti. È quindi veramente molto importante, per me, lasciare una testimonianza di quanto sia fondamentale, in questo ambito, fornire cure tempestive ed efficaci, operando una diagnosi seria e completa, che permetta di curare non solo i sintomi ma anche le cause del problema.
La mia storia inizia nel settembre 2010 quando, a causa di una tonsillite curata con dosi troppo massicce di antibiotici, ho contratto un’infezione da candida. L’infezione venne diagnosticata dal mio medico curante, e il ginecologo mi prescrisse una cura basata su itraconazolo e ovuli vaginali.
L’infezione apparentemente guarì, lo confermarono anche esami dettagliati fatti attraverso utilizzo di tamponi vaginali. Purtroppo però qualcosa era rimasto latente e, a novembre, mi ritrovai nuovamente con forti bruciori a valle di un disordine intestinale. Inizialmente il mio ginecologo sottovalutò la cosa e mi prescrisse ancora degli antibiotici, per la cistite. Poi, vedendo che la situazione non si risolveva, mi visitò e mi diagnosticò nuovamente la candida. Anche qui la cura fu con delle dosi piuttosto consistenti di itraconazolo e altri ovuli.
A gennaio i dolori e le perdite divennero sempre più fastidiosi e quindi mi rivolsi a un’altra ginecologa segnalatami da una struttura privata della città in cui vivo. Ma la risposta di questo medico fu a dir poco raccapricciante: «Lei purtroppo soffrirà sempre di queste infezioni, e quindi dobbiamo allungare il più possibile l’intervallo tra una e l’altra». Ma in passato avevo avuto questo tipo di problema solo una volta, per un forte abbassamento delle difese immunitarie: da allora erano passati otto anni, e non avevo mai più avuto nulla! Perché adesso sembrava quasi che la candida fosse diventata un destino ineluttabile?
A questo punto il dolore e lo sconforto anche psicologico erano veramente insopportabili, tanto che a una delle visite che ormai erano diventate per me una tortura, scoppiai a piangere dal male. Fu allora che decisi che dovevo fare qualcosa di veramente decisivo e andare dal migliore specialista in Italia: la situazione era ormai diventata insopportabile e anche sul lavoro non riuscivo più a concentrarmi come dovevo.
Fu mia madre che mi segnalò il nome di una dottoressa che aveva sentito alla radio. A marzo presi appuntamento con lei, e finalmente mi trovai di fronte a una persona competente, che cercò di capire non solo tutti i dettagli sulla comparsa della patologia, ma anche tutti i risvolti psicologici che in qualche modo andavano a impattare sulla mia salute.
La situazione purtroppo era ormai degenerata: a partire dalla candida, in seguito ai ripetuti e dolorosi tentativi di avere rapporti con mio marito, la patologia si era trasformata in una vestibolite vulvare con una vasta infiammazione e mialgia.
La dottoressa però non si arrese, e mi diede una cura a 360 gradi, sia per evitare il ritorno delle micosi, sia per curare l’intestino con fermenti e una dieta appropriata, e infine anche per fronteggiare – con appositi farmaci antinfiammatori e rilassanti – l’infiammazione vulvare e la mialgia.
Grazie a lei, dopo soli tre mesi di cura sono migliorata tantissimo e ora sto facendo una cura di prevenzione per evitare recidive. Quando sento ancora bruciori mi spavento un po’, ma continuo a seguire fedelmente la cura e spero tanto che nei prossimi mesi la guarigione sia completa.
Ringrazio la mia dottoressa per la disponibilità e la grande professionalità con cui lavora, e che la rendono una persona davvero speciale!
Con affetto e stima, Maria Celeste

top

Articoli correlati:

Testimonianze

27/12/2013 - Candida: il segreto per evitare le recidive e stare bene per sempre

22/02/2013 - Una cura drastica ed efficace: ecco come ho sconfitto Candida e vestibolite

15/06/2012 - Ho la candida e la vestibolite vulvare, ma presto starò bene!

01/06/2012 - Lichen planus, vestibolite vulvare e tumore: una triade infernale che sto finalmente sconfiggendo

10/02/2012 - Herpes genitalis e vestibolite vulvare, un binomio diabolico che si può curare

04/11/2011 - Come l'omissione diagnostica ha favorito la cronicizzazione della mia malattia

15/07/2011 - Di vestibolite si può guarire: l'importante è incontrare il medico giusto!

25/03/2011 - Vestibolite vulvare: guarire è possibile

18/06/2010 - Che bello sentirsi di nuovo bene!

13/03/2009 - Vestibolite vulvare: un nemico ostile e agguerrito, ma non invincibile - Terza parte

27/02/2009 - Vestibolite vulvare: un nemico ostile e agguerrito, ma non invincibile - Seconda parte

13/02/2009 - Vestibolite vulvare: un nemico ostile e agguerrito, ma non invincibile - Prima parte

30/01/2009 - L'importanza della competenza

04/07/2008 - L'importanza dell'ascolto e della prevenzione

Video Stream

27/03/2012 - Dolore ai rapporti: il vaginismo e le sue complicanze

Le vostre domande

13/11/2014 - Candida e vestibolite, il protocollo terapeutico da seguire

03/10/2013 - Candida e vestibolite vulvare: come guarire

19/07/2013 - Come curare la vestibolite: diagnosi differenziale e terapia integrata

26/04/2013 - Dalla candida alla vestibolite vulvare: come guarire

Parole chiave:
Antibiotici - Candida / Candida recidivante - Dispareunia - Rapporto medico-paziente - Terapia medica - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico