EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Dolore vulvare: gli obiettivi del progetto Vu_NET

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Dolore vulvare: gli obiettivi del progetto Vu_NET

17/05/2016

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Presidente della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus

Intervista rilasciata in occasione del primo expert meeting scientifico-organizzativo del Progetto Vu_NET sul Dolore Vulvare, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 1° aprile 2016

Sintesi del video e punti chiave

Nelle precedenti interviste abbiamo spiegato che cosa sia il dolore vulvare e quali siano le sue principali cause. Oggi entriamo nel vivo del progetto Vu_NET, lanciato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per migliorare la diagnosi e la terapia del dolore vulvare in tutte le sue dimensioni. Il primo expert meeting a livello nazionale si è tenuto a Milano il 1° aprile scorso.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come Vu_NET sia un progetto originale e ambizioso, senza paragoni a livello mondiale, che nasce per fotografare la realtà del dolore vulvare in Italia e trasferire ai medici e agli altri professionisti della salute il sapere clinico e scientifico dei due ideatori, la professoressa Graziottin stessa e il dottor Filippo Murina;
- l’obiettivo del progetto: perfezionare i criteri diagnostici del dolore vulvare e formulare linee guida condivise sulla diagnosi e la terapia, applicabili da tutti gli ambulatori italiani che vorranno proporsi come centri di cura qualificati a tutti i livelli;
- il questionario che sarà sottoposto alle donne, anche on line, finalizzato ad acquisire informazioni dettagliate sui fattori predisponenti, precipitanti e di mantenimento del dolore vulvare, nonché sulle principali comorbilità (cistite, sindrome dell’intestino irritabile, ipertono del pavimento pelvico, endometriosi, fibromialgia, cefalea);
- l’importanza della collaborazione delle donne per il successo scientifico della ricerca;
- come, in sintesi, il progetto si proponga di aumentare la consapevolezza della realtà biologica del dolore vulvare da parte del mondo medico e del pubblico, nella convinzione che, come ogni forma di dolore, esso vada ascoltato, diagnosticato, curato e guarito, per restituire alle donne che ne sono colpite un’eccellente qualità di vita.

Realizzazione tecnica di PharmaStar TV

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter