Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

08/09/2017

Fibroma uterino asintomatico: la prima strategia è tenerlo sotto controllo



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho un mioma uterino intramurale-sottosieroso di 4 centimetri, vascolarizzato. Nella precedente ecografia, effettuata nel 2014, era di 3,3 centimetri. La mia ginecologa mi ha prescritto un farmaco a base di ulipristal acetato per 3 mesi. Ho 57 anni e ho regolarmente le mestruazioni: non ho dolori, sanguinamenti e tutte le altre manifestazioni correlate ai miomi. Le mie domande sono queste: 1. posso non seguire la terapia e aspettare l’arrivo della menopausa perché si riduca il mioma? 2. posso controllarlo con ecografie periodiche, per vedere l’aumento di volume, e decidere cosa fare solo se c’è un incremento significativo? 3. posso sostituire l’ulipristal acetato con progesterone naturale bioidentico? 4. quali rischi corro se non effettuo la terapia e aspetto l’arrivo della menopausa?".
Anna

top

Gentile amica, il trattamento con ulipristal acetato è indicato nel caso di miomi uterini sintomatici, ossia che provocano, per esempio, cicli mestruali lunghi e abbondanti (menometrorragie e menorragie recidivanti). Se lei non dovesse avere disturbi circa l’entità del ciclo mestruale e/o intenso dolore pelvico, le consigliamo di attendere e ricontrollare le dimensioni del mioma uterino fra 6 mesi. Nel caso in cui risultasse di dimensioni stabili e fosse sempre asintomatico, non è indicato procedere con terapia medica o chirurgica. Diverso sarebbe in caso di un sensibile aumento delle dimensioni, perché la componente sottosierosa, espandendosi nella cavità pelvica, potrebbe dare origine a sintomi da compressione degli organi pelvici. Alla terapia con progesterone (naturale vs sintetico) si ricorre generalmente in caso di ispessimento della rima endometriale (lo strato più interno dell’utero), una modificazione evidenziabile con ecografia transvaginale. Per ulteriori informazioni sull’ulipristal acetato e, in generale, sulla fibromatosi uterina, la rinviamo ai numerosi articoli e video pubblicati su questo sito. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Fibroma - Fibromatosi uterina - Mioma - Ulipristal acetato

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico