Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Medical Channel

Condividi su
Stampa

22/02/2011

Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile


Stanghellini V.
Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile
Video stream della lettura magistrale tenuta al corso ECM su "Il dolore sessuale femminile: dai sintomi alla diagnosi e alla terapia" - Condirettori: Prof.ssa Alessandra Graziottin e Dr. Filippo Murina - Organizzato dalla "Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna" e dalla Associazione Italiana Vulvodinia (AIV), Milano, 12 marzo 2010


Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile

Sintesi della lettura magistrale e punti chiave

La sindrome del colon irritabile (IBS, Irritable Bowel Syndrome) è una malattia che provoca molteplici sintomi: dolore addominale, gonfiore, stipsi, diarrea, crampi, flatulenza. Un quadro clinico che anche il ginecologo deve tenere presente, perché molti disturbi uroginecologici e sessuali sono scatenati e/o mantenuti da uno stato patologico a livello intestinale. La localizzazione dell’intestino, inoltre, è molto estesa e può “mimare” disturbi normalmente e correttamente attribuiti a organi completamente differenti. In assenza di una corretta diagnosi differenziale, si corre quindi il rischio di impostare terapie inutili o addirittura dannose, specialmente in ambito chirurgico, senza rimuovere le reali cause del disagio portato in consultazione.
Come può il ginecologo inquadrare rapidamente le condizioni intestinali della paziente? Qual è l’impatto dell’IBS sulla qualità della vita? Perché il colon irritabile è un problema prevalentemente femminile? Che ruolo gioca l’ecosistema intestinale nella patogenesi delle infezioni genito-urinarie? Che cosa sappiamo sulla relazione fra IBS e disturbi psicoemotivi?
In questa lettura magistrale, il professor Stanghellini illustra:
- la prevalenza dell’IBS per Paese, in Europa;
- alcuni semplici quesiti e accertamenti che permettono al ginecologo e al medico di medicina generale di diagnosticare la sindrome del colon irritabile;
- come l’IBS possa essere il mandante occulto non solo del dolore addominale, ma anche del dolore lombare e persino di disturbi cardio-respiratori, che nulla hanno quindi a che fare con le eventuali condizioni di “ansia” della donna;
- come l’impatto del colon irritabile sulla qualità della vita quotidiana sia equivalente a quello di patologie molto gravi come la retto-colite ulcerosa, il morbo di Crohn e – in altro distretto – lo scompenso cardiaco;
- perché una corretta diagnosi di IBS può ridurre il ricorso a interventi chirurgici come l’appendicectomia, la colecistectomia e l’isterectomia;
- il probabile ruolo delle fluttuazioni estrogeniche nella maggiore vulnerabilità femminile alla sindrome del colon irritabile;
- le relazioni fra sintomatologia dell’IBS, da un lato, e mestruazioni, dispareunia ed endometriosi, dall’altro;
- alcune significative differenze fra uomo e donna nella risposta immunitaria;
- l’enorme varietà della popolazione batterica intestinale;
- il concetto di traslocazione batterica e la sua importanza nella genesi delle infezioni a carico dell’apparato urogenitale;
- le più recenti indicazioni sull’uso di antibiotici sistemici e topici;
- l’allarmante relazione fra dolore addominale e IBS, da un lato, e incidenza di suicidi, dall’altro;
- l’importanza, per il ginecologo di fronte alla donna che lamenta dolore addominale, di “pensare” anche all’intestino, in una logica multidisciplinare.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

16/05/2011 - Il dolore sessuale femminile come area di interazione interprofessionale: il ginecologo

06/09/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del gastroenterologo

31/05/2010 - La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Eziopatogenesi e semeiologia

05/04/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del ginecologo

05/10/2009 - Sesso femminile e dolore: stato dell'arte - Sintesi commentata

13/10/2008 - Comorbidità tra patologia gastrointestinale e ginecologica

06/10/2008 - Relazione tra stipsi e apparato genitale femminile

15/09/2008 - La percezione del dolore pelvico cronico nella donna: fattori predittivi e implicazioni cliniche

11/08/2008 - Relazione tra stipsi e apparato genitale femminile - Versione breve

28/07/2008 - Stipsi e disfunzioni sessuali femminili: ruolo e funzione del proctologo

06/03/2008 - Stipsi e disfunzioni sessuali femminili: il ruolo del proctologo

Audio stream

13/03/2010 - Il mastocita - Quarta parte

20/02/2010 - Il mastocita - Prima parte

In Primo Piano

24/05/2011 - Dolore pelvico cronico: fattori psicogeni e impatto psicologico – Prima parte

Medical Channel

03/05/2011 - Dolore pelvico cronico e patologie gastrointestinali

23/11/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del gastroenterologo

19/10/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del ginecologo

Video Stream

08/10/2013 - Disturbi intestinali e uroginecologici: perché sono spesso associati

Parole chiave:
Cistite / Cistite recidivante - Colon-Proctologia - Comorbilità - Dolore pelvico cronico - Estrogeni - Gastroenterologia / Disturbi gastrointestinali - Sindrome dell'intestino irritabile - Traslocazione batterica - Vulvovaginite

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Medical Channel