EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile

22/02/2011
Stanghellini V.
Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile
Video stream della lettura magistrale tenuta al corso ECM su "Il dolore sessuale femminile: dai sintomi alla diagnosi e alla terapia" - Condirettori: Prof.ssa Alessandra Graziottin e Dr. Filippo Murina - Organizzato dalla "Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna" e dalla Associazione Italiana Vulvodinia (AIV), Milano, 12 marzo 2010

Sintesi della lettura magistrale e punti chiave

La sindrome del colon irritabile (IBS, Irritable Bowel Syndrome) è una malattia che provoca molteplici sintomi: dolore addominale, gonfiore, stipsi, diarrea, crampi, flatulenza. Un quadro clinico che anche il ginecologo deve tenere presente, perché molti disturbi uroginecologici e sessuali sono scatenati e/o mantenuti da uno stato patologico a livello intestinale. La localizzazione dell’intestino, inoltre, è molto estesa e può “mimare” disturbi normalmente e correttamente attribuiti a organi completamente differenti. In assenza di una corretta diagnosi differenziale, si corre quindi il rischio di impostare terapie inutili o addirittura dannose, specialmente in ambito chirurgico, senza rimuovere le reali cause del disagio portato in consultazione.
Come può il ginecologo inquadrare rapidamente le condizioni intestinali della paziente? Qual è l’impatto dell’IBS sulla qualità della vita? Perché il colon irritabile è un problema prevalentemente femminile? Che ruolo gioca l’ecosistema intestinale nella patogenesi delle infezioni genito-urinarie? Che cosa sappiamo sulla relazione fra IBS e disturbi psicoemotivi?
In questa lettura magistrale, il professor Stanghellini illustra:
- la prevalenza dell’IBS per Paese, in Europa;
- alcuni semplici quesiti e accertamenti che permettono al ginecologo e al medico di medicina generale di diagnosticare la sindrome del colon irritabile;
- come l’IBS possa essere il mandante occulto non solo del dolore addominale, ma anche del dolore lombare e persino di disturbi cardio-respiratori, che nulla hanno quindi a che fare con le eventuali condizioni di “ansia” della donna;
- come l’impatto del colon irritabile sulla qualità della vita quotidiana sia equivalente a quello di patologie molto gravi come la retto-colite ulcerosa, il morbo di Crohn e – in altro distretto – lo scompenso cardiaco;
- perché una corretta diagnosi di IBS può ridurre il ricorso a interventi chirurgici come l’appendicectomia, la colecistectomia e l’isterectomia;
- il probabile ruolo delle fluttuazioni estrogeniche nella maggiore vulnerabilità femminile alla sindrome del colon irritabile;
- le relazioni fra sintomatologia dell’IBS, da un lato, e mestruazioni, dispareunia ed endometriosi, dall’altro;
- alcune significative differenze fra uomo e donna nella risposta immunitaria;
- l’enorme varietà della popolazione batterica intestinale;
- il concetto di traslocazione batterica e la sua importanza nella genesi delle infezioni a carico dell’apparato urogenitale;
- le più recenti indicazioni sull’uso di antibiotici sistemici e topici;
- l’allarmante relazione fra dolore addominale e IBS, da un lato, e incidenza di suicidi, dall’altro;
- l’importanza, per il ginecologo di fronte alla donna che lamenta dolore addominale, di “pensare” anche all’intestino, in una logica multidisciplinare.
Sullo stesso argomento per professionisti
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter