Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

13/10/2008

Comorbidità tra patologia gastrointestinale e ginecologica


Prof. Vincenzo Stanghellini
Dipartimento di Medicina Interna e Gastroenterologia, Università di Bologna
Comorbidità tra patologia gastrointestinale e ginecologica
Report del simposio "Gastrointestinal and Gynecological Comorbidity", nell'ambito del "One day meeting on Constipation Illness", Roma, 14 settembre 2007, p. 1-6


La stipsi cronica idiopatica è una patologia estremamente frequente nel sesso femminile, in particolar modo nella donna in età fertile. Secondo i dati di alcuni studi epidemiologici, il 90% dei pazienti con stipsi idiopatica severa è rappresentato da donne fra 18 e 50 anni di età e, inoltre, la maggior parte dei soggetti che si sottopongono a intervento chirurgico per stipsi intrattabile è costituita da donne.
Un aspetto da tenere in particolare considerazione è la frequente comorbilità tra stipsi e patologie urogenitali croniche o cronico-recidivanti, nonché tra stipsi ed eventi tipici della vita femminile, come ad esempio la gravidanza.
La gestione terapeutica deve essere indirizzata sia alla correzione degli eventuali problemi di ordine anatomico e funzionale (riservando comunque gli interventi chirurgici solo ad una minima proporzione di pazienti attentamente selezionate), che ad una regolarizzazione dell’alvo con un appropriato trattamento medico.

Per gentile concessione di One Global Medicine

top

Parole chiave:
Colon-Proctologia - Comorbilità - Comorbilità urogenitali - Dischezia - Dispareunia femminile - Dolore pelvico - Endometriosi - Gravidanza - Ormoni sessuali - Sindrome del colon/intestino irritabile - Stipsi - Vaginismo

Stampa

© 2008 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici