Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Medical Channel

Condividi su
Stampa

06/03/2017

Contraccezione e miomi: ruolo dei regimi estesi


Prof.ssa Franca Fruzzetti
Clinica Ostetrica e Ginecologica
Università di Pisa


Franca Fruzzetti
Contraccezione e miomi: ruolo dei regimi estesi
Corso ECM su "Fibromatosi uterina, dalla A alla Z", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 21 ottobre 2016


Contraccezione e miomi: ruolo dei regimi estesi

Sintesi del video e punti chiave

Le correlazioni fra contraccezione estroprogestinica e fibromatosi uterina sono oggetto di dibattito da molti decenni. Tre le domande fondamentali: il contraccettivo aumenta o diminuisce il rischio di fibroma? Ha ripercussioni sulla crescita del fibroma, una volta che questo si sia sviluppato? E’ efficace nella cura del sanguinamento uterino associato al disturbo? Negli anni Settanta, gli studi erano pessimistici. Oggi, le pur limitate indicazioni della letteratura ci consentono di fare giustizia di vecchi pregiudizi.
In questo video, la professoressa Franca Fruzzetti spiega che:
- i fibromi uterini non sono una controindicazione all’assunzione di preparati estroprogestinici (EP);
- gli estrogeni contenuti nella pillola non neutralizzano l’effetto protettivo del progestinico sull’utero;
- gli EP riducono marcatamente il rischio di fibromatosi, e il beneficio è tanto più marcato quanto più lungo è il periodo di assunzione;
- il beneficio dipende anche dalla potenza del progestinico impiegato;
- l’assunzione di EP a basso dosaggio non riduce le dimensioni del mioma, ma in uno studio a due anni ne impedisce l’ulteriore ingrossamento osservato invece nei controlli;
- gli EP sono certamente utili nel management del sanguinamento uterino, sia in fase acuta sia a lungo termine;
- l’anello vaginale sembra avere un effetto ancora più marcato sul sanguinamento, ma soprattutto nei fibromi più piccoli;
- la terapia estroprogestinica può essere somministrata anche in caso di distorsione della cavità uterina;
- è sempre necessario, prima di avviare la cura, valutare le controindicazioni generali alla contraccezione estroprogestinica;
- nell’impiego clinico dei preparati attuali bisogna tenere presenti quattro importanti dimensioni: tipo di estrogeno, tipo di progestinico, regime (standard, 21+7; esteso, 24+4 o 26+2; continuo, 86), via di somministrazione (orale, cerotto, anello vaginale, sottocute, intrauterina).

top

Parole chiave:
Contraccezione ormonale - Fibromatosi uterina - Ginecologia - Menometrorragia - Progesterone/Progestinici - Terapia contraccettiva

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Medical Channel