Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

22/09/2011

Sindrome dell'intestino irritabile ed endometriosi: accertamenti diagnostici



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


“Ho 35 anni e da dieci anni assumo una pillola in continua a base di gestodene per curare una micropolicistosi ovarica. Due anni fa l’ho sospesa per un po’, ma poi ho dovuto riprenderla perché il ciclo era irregolare. Sono così passata alla nuova pillola al drospirenone. Però ho ben presto iniziato a soffrire di forti dolori pelvici, crampi, coliche con dolori anali e alla schiena, gonfiore e tensione addominale. Il ginecologo mi ha consigliato di tornare alla pillola di prima, però i dolori continuano. Soffro spesso di stipsi, ma anche di diarrea, alternate comunque a giorni più regolari, ma quando arriva il ciclo andare in bagno è dolorosissimo. Il medico mi ha detto che potrei avere la sindrome dell’intestino irritabile, e da allora cerco di stare attenta all’alimentazione, ma nemmeno questo sta dando risultati apprezzabili. E se fosse endometriosi? Grazie infinite per un consiglio”.
Marta (Imperia)

top

Gentile signora, i suoi disturbi potrebbero essere dovuti a più fattori: prima di tutto, proprio alla sindrome dell’intestino irritabile, come ha correttamente ipotizzato il suo ginecologo visti i dolori addominali e l’alternanza di stipsi e diarrea; e poi all’endometriosi, soprattutto per i dolori anali durante il ciclo (dischezia) e il forte dolore pelvico. Quando un insieme di sintomi sono determinati da più patologie fra loro indipendenti si parla di “comorbilità”.
Per la diagnosi può rivolgersi a un gastroenterologo competente anche per l’endometriosi. Potrebbe anche essere utile verificare il livello degli anticorpi antitransglutaminasi, per escludere la presenza di una celiachia. E anche se questi fossero negativi, potremmo trovarci di fronte a una celiachia “sottosoglia”, nel qual caso una dieta senza glutine per almeno due mesi potrebbe contribuire a ridurre i dolori in misura significativa. Faccia questa prova per due mesi: ma in modo rigoroso, senza strappi alla regola! Può trovare una lista degli alimenti permessi e di quelli proibiti sul sito dell’Associazione Italiana Celiachia.
Nel frattempo, il dosaggio del Ca125 e un clisma opaco potrebbero aiutare nella diagnosi di endometriosi a localizzazione intestinale. In parallelo, però, è indispensabile escludere un’endometriosi del setto rettovaginale, con una visita ginecologica e un’ecografia pelvica accurata.
La pillola che prende va benissimo, perché rallenta la progressione dell’endometriosi e riduce dell’80 per cento il rischio di recidive a livello ovarico. Le ricordo però – come le avrà sicuramente detto anche il suo ginecologo – che va assunta continuativamente, ossia senza pause, per evitare che anche un ciclo minimo faccia peggiorare la situazione. Molti auguri!

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

02/05/2011 - Dolore pelvico cronico: mastociti e fisiopatologia delle comorbilità

18/04/2011 - The mastcell, director of chronic pelvic pain orchestra: implications for the gynaecologist

21/03/2011 - Endometriosi: mastocita e comorbilità

06/09/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del gastroenterologo

05/04/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del ginecologo

13/10/2008 - Comorbidità tra patologia gastrointestinale e ginecologica

Schede mediche

10/07/2008 - Endometriosi - Prima parte: Che cos'è e perché causa dolore

17/07/2008 - Endometriosi - Seconda parte: Come arrivare a una diagnosi precoce

24/07/2008 - Endometriosi - Terza parte: Come si cura

31/07/2008 - Endometriosi - Quarta parte: L'impatto sulla sessualità

Medical Channel

03/05/2011 - Dolore pelvico cronico e patologie gastrointestinali

22/02/2011 - Implicazioni gastroenterologiche del dolore sessuale femminile

23/11/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del gastroenterologo

19/10/2010 - Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore sessuale femminile: il punto di vista del ginecologo

Le vostre domande

11/01/2018 - Cura dell'endometriosi: il dienogest è efficace

20/12/2013 - Dolore mestruale e disturbi intestinali durante il ciclo: le possibili cause

23/12/2011 - Cisti endometriosiche, che cosa fare dopo l'operazione

Parole chiave:
Celiachia - Comorbilità - Diagnosi - Dischezia - Dolore pelvico cronico - Endometriosi - Gastroenterologia - Ginecologia - Pillola contraccettiva continuativa - Sindrome del colon/intestino irritabile

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico