Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

28/10/2010

Malattie sessualmente trasmesse - Terza parte - Infezione da Chlamydia: conseguenze cliniche e prevenzione



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Malattie sessualmente trasmesse - Terza parte - Infezione da Chlamydia: conseguenze cliniche e prevenzione

Sintesi del video e punti chiave

Oggi si conoscono circa trenta malattie a trasmissione sessuale. Una delle meno conosciute e tuttavia più frequenti, soprattutto fra i giovani, è l’infezione da Chlamydia Tracomatis, un germe che si annida all’interno delle cellule e ha una particolare affinità per l’apparato genitale femminile.
Che cosa fa la Chlamydia, una volta che la donna l’abbia contratta? Quali conseguenze possono derivare dalla sua azione?
La professoressa Graziottin illustra:
- la fascia di età più colpita dall’infezione;
- la tendenza del germe a risalire le vie genitali, annidandosi nell’utero e nelle tube;
- le possibili conseguenze cliniche dell’infezione: endometrite (con riduzione della fertilità), lesione dell’epitelio ciliato delle tube (con rischio di gravidanza extrauterina), occlusione delle tube (con infertilità tubarica), lesione del peritoneo e degli organi del piccolo bacino (con malattia infiammatoria pelvica e dolore pelvico cronico), accumulo di pus dietro l’utero (con dispareunia profonda);
- come l’uso costante del profilattico, a ogni rapporto, consenta di evitare queste pericolose patologie.

top

Parole chiave:
Chlamydia - Dispareunia - Dolore pelvico cronico - Fertilità e infertilità - Ginecologia - Gravidanza extrauterina - Malattia infiammatoria pelvica - Malattie sessualmente trasmesse - Prevenzione - Profilattico

Stampa

© 2010 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream