Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

25/04/2016

Infiammazione e dolore intestinale


V. Stanghellini G. Barbara, C. Cremon, R. Cogliandro, M. Marcellini, L. Bellacosa
Infiammazione e dolore intestinale
Atti del corso ECM su "La donna e il dolore pelvico: da sintomo a malattia, dalla diagnosi alla terapia", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 16 novembre 2012, p. 17-20


Evidenze sempre più convincenti suggeriscono l’implicazione di una attivazione immunitaria intestinale e sistemica alla base della fisiopatologia dell’IBS e quindi del determinismo sia del dolore addominale che delle alterate funzioni digestive che si manifestano con alterazioni dell’alvo.
La ricerca futura dovrà peraltro ulteriormente chiarire: a) i meccanismi responsabili della attivazione immunitaria di mucosa del canale alimentare ed in particolare la complessa interazione tra fattori genetici, infettivi, allergici, ormonali e psicologici; b) i meccanismi biomolecolari responsabili dell’effetto algogeno e disfunzionale di tali alterazioni che si potranno tradurre in migliori meccanismi di prevenzione e cura e del dolore addominale.

top

Parole chiave:
Dolore cronico - Dolore intestinale - Gastroenterologia / Disturbi gastrointestinali - Infiammazione - Mastocita - Sindrome dell'intestino irritabile - Sistema immunitario

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici