Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

25/02/2016

Disturbi gastrointestinali: il ruolo dei mastociti


Bischoff SC.
Mast cells in gastrointestinal disorders
Eur J Pharmacol. 2016 Feb 4. pii: S0014-2999(16)30042-5. doi: 10.1016/j.ejphar.2016.02.018. [Epub ahead of print]


Riepilogare le attuali evidenze sul ruolo dei mastociti nel funzionamento della barriera gastrointestinale, sia in condizioni di salute sia nella malattia: è questo l’obiettivo della review di Stephan Bischoff, della Università di Hohenheim a Stoccarda, in Germania.
I mastociti sono presenti in tutto il tratto gastrointestinale, e le loro principali funzioni riguardano:
- la regolazione delle funzioni gastrointestinali, in particolare a livello epiteliale ed endoteliale;
- il dialogo incrociato con il sistema nevoso enterico (o metasimpatico, che insieme al sistema ortosimpatico e al sistema parasimpatico costituisce il sistema nervoso autonomo);
- la difesa dell’organismo da agenti batterici, virali e parassitari.
Si ritiene che alcune patologie croniche del tratto gastrointestinale siano associate all’iperattivazione dei mastociti: fra queste il morbo di Crohn e la colite ulcerosa (entrambe di natura infiammatoria), la celiachia, la sindrome dell’intestino irritabile e le allergie alimentari.
Non è invece noto quali patologie siano specificamente caratterizzate da una riduzione della funzionalità mastocitaria.
La review è utile perché fa il punto su una materia cruciale nella comprensione dei meccanismi infiammatori e di cronicizzazione del dolore.

top

Parole chiave:
Allergie alimentari - Celiachia - Gastroenterologia / Disturbi gastrointestinali - Infiammazione - Mastocita - Morbo di Crohn / Colite ulcerosa - Sindrome dell'intestino irritabile

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico