Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Segnala Stampa

16/02/2017

Sindrome dell'intestino irritabile: una terapia naturale allevia il dolore


Cremon C, Stanghellini V, Barbaro MR, Cogliandro RF, Bellacosa L, Santos J, Vicario M, Pigrau M, Alonso Cotoner C, Lobo B, Azpiroz F, Bruley des Varannes S, Neunlist M, DeFilippis D, Iuvone T, Petrosino S, Di Marzo V, Barbara G.
Randomised clinical trial: the analgesic properties of dietary supplementation with palmitoylethanolamide and polydatin in irritable bowel syndrome
Aliment Pharmacol Ther. 2017 Feb 6. doi: 10.1111/apt.13958. [Epub ahead of print]


Accertare l’efficacia della palmitoiletanolamide e della polidatina nella cura dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile: è questo l’obiettivo dello studio multicentrico coordinato da Cesare Cremon e Vincenzo Stanghellini, del dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche dell’Università di Bologna.
E’ noto che nella patogenesi della sindrome dell’intestino irritabile (irritable bowel syndrome, IBS) è coinvolta l’attivazione del sistema immunitario. Mentre la maggior parte degli approcci terapeutici prevede l’eliminazione di determinate categorie di alimenti, ci sono poche evidenze in grado di documentare l’eventuale efficacia della supplementazione alimentare.
In questo contesto, la ricerca è partita dalla considerazione che la palmitoiletanolamide, strutturalmente correlata all’anandamide, e la polidatina riducono sinergicamente l’iperattivazione mastocitaria.
Lo studio – randomizzato a doppio cieco – è stato condotto per 12 settimane su 54 pazienti affetti da IBS e 12 controlli sani arruolati in cinque centri europei, e ha valutato l’efficacia di 200 mg / 20 mg di palmitoiletanolamide / polidatina contro placebo sull’infiammazione di basso grado, sull’attivazione del sistema endocannabinoide e sui sintomi della patologia.
Questi, in sintesi, i risultati:
- rispetto ai controlli, i pazienti affetti da IBS hanno un numero più elevato di mastociti attivati nella mucosa intestinale (3.2 ± 1.3 vs. 5.3 ± 2.7%, P = 0.013), ridotti livelli di oleoiletanolamide (12.7 ± 9.8 vs. 45.8 ± 55.6 pmol/mg, P = 0.002) e un’accresciuta espressione di recettori cannabinoidi di tipo 2 (0.7 ± 0.1 vs. 1.0 ± 0.8, P = 0.012);
- il trattamento non modifica in modo significativo il profilo biologico dell’IBS, incluso il numero di mastociti attivati;
- rispetto al placebo, tuttavia, il trattamento migliora in misura considerevole il dolore addominale (P < 0.05);
- la palmitoiletanolamide / polidatina costituisce quindi un promettente approccio naturale alla gestione dei sintomi dell’IBS;
- sono ora necessari ulteriori studi per chiarire il meccanismo d’azione che sottende questa azione.

top

Parole chiave:
Dolore cronico - Infiammazione - Mastocita - Palmitoiletanolamide - Polidatina - Sindrome del colon/intestino irritabile

Segnala Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico