EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Traumatic experiences, major life stressors, and self-reporting a physician-given fibromyalgia diagnosis

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
10/05/2012

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Haviland MG, Morton KR, Oda K, Fraser GE.
Traumatic experiences, major life stressors, and self-reporting a physician-given fibromyalgia diagnosis
Psychiatry Res. 2010 May 30; 177 (3): 335-41
La fibromialgia è una patologia complessa e difficile da curare, caratterizzata da:
- dolore muscoloscheletrico diffuso;
- abbassamento della soglia di percezione del dolore;
- aree muscolari particolarmente tese e rigide, dolenti alla digitopressione, che possono irradiare dolore in zone adiacenti o funzionalmente correlate (tender point).
Le comorbilità più gravi e frequenti sono:
- la stanchezza cronica (fatigue);
- i disturbi del sonno;
- i disturbi dell’umore (ansia, depressione);
- la sindrome dell’intestino irritabile.
L’obiettivo primario del lavoro di Mark Haviland e collaboratori, del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Loma Linda, California (USA), è valutare il legame esistente fra eventi traumatici, o stressanti, e fibromialgia. Lo studio ha preso in considerazione oltre 10.000 persone, fra i 48 e i 75 anni, di cui i due terzi sono donne. Il 3.7% del campione ha ricevuto una diagnosi clinica di fibromialgia (4.8% delle donne, 1.3% degli uomini). L’analisi multimodale dei dati ha evidenziato come due tipi di esperienza traumatica siano associati in misura statisticamente significativa alla diagnosi di fibromialgia: l’abuso sessuale e, in secondo luogo, l’aggressione fisica.
Gli Autori precisano che l’evento traumatico non provoca fibromialgia sulla base di una correlazione clinica diretta: e avallano l’ipotesi, formulata da altri ricercatori, secondo cui un trauma o uno stress intenso e prolungato modificherebbero i circuiti cerebrali che modulano le emozioni e la percezione del dolore – il che spiegherebbe la iperreattività dei/delle pazienti agli stimoli algici e le comorbilità osservate.
Ciò di cui gli Autori non parlano, tuttavia, è il ruolo giocato dall’infiammazione nella patogenesi traumatica della fibromialgia. Quando una persona viene colpita da un grave trauma di natura fisica o sessuale, infatti, tende a sviluppare una condizione patologica nota come “sindrome post-traumatica da stress”. Una delle caratteristiche della sindrome è che, negli incubi notturni che rievocano l’evento, la persona rivive a livello biologico tutte le emozioni negative che l’hanno contraddistinta, e riattiva tutta la risposta neurovegetativa provocata dal pericolo corso, con il suo drammatico carico di paura e di angoscia di morte. L’attivazione del sistema di allarme determina un picco di valore negli ormoni dello stress (adrenalina e cortisolo), nella pressione arteriosa, nella tensione muscolare e – fatto particolarmente importante – nelle citochine pro-infiammatorie. Il ripetersi di queste rievocazioni comporta quindi un’infiammazione cronica del sistema muscolare, con fibromialgia, astenia, disturbi del sonno e dell’umore. La fibromialgia e le sue comorbilità possono quindi essere lette come epifenomeno somatico di una sofferenza sistemica dovuta a traumi pregressi.
E’ interessante infine osservare come questo quadro clinico, determinato dall’attivazione prolungata del sistema biologico di allarme, possa emergere anche dopo gravi incidenti o malattie, il che, da un lato, amplia lo spettro dei fattori predisponenti alla fibromialgia e, dall’altro, porta ad escludere che fra traumi sessuali/fisici e fibromialgia sussista una relazione biunivoca.
Sullo stesso argomento per pazienti
Potrebbero interessarti anche

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter