Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

29/11/2012

Lichen sclerosus, come curarlo



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 47 anni, e da 5 ho forti dolori durante i rapporti sessuali, con perdite di sangue e vesciche sulle grandi labbra. Il dolore aumenta quando fuoriesce l’urina. Avverto anche prurito e secchezza, fatico a camminare e a indossare i jeans. Nessuna cura e nessun medico hanno sinora potuto aiutarmi. A luglio ho fatto una biopsia vulvare e la diagnosi è di craurosi vulvare. Mi è stato prescritto un gel emolliente, ma ad oggi non sono migliorata. E’ difficoltosa anche la penetrazione… Come devo curarmi? A chi devo rivolgermi? Ormai sono stremata da queste continue sofferenze… Se potete, aiutatemi. Grazie”.
Claudia S.

top

Gentile signora Claudia, con il termine di “craurosi vulvare” si intende una lesione distrofica a carico dei genitali esterni, caratterizzata dalla presenza di lesioni biancastre a livello vulvare, con atrofia delle piccole labbra e restringimento dell’orifizio vaginale. Attualmente la craurosi vulvare è definita clinicamente con il termine di “lichen sclerosus” o “lichen scleroatrofico”. Si tratta di una patologia cronica a carattere infiammatorio e immuno-mediata, con una netta prevalenza nel periodo menopausale (sembra infatti essere sostenuta da condizioni di ipoestrogenismo); il lichen può tuttavia comparire, seppur con minore frequenza, anche nelle bambine e nelle adolescenti.
La sintomatologia, come lei purtroppo ben sa, è rappresentata da prurito intenso, soprattutto notturno, bruciore, dolore locale associato a dispareunia (dolore ai rapporti), come conseguenza della stenosi vaginale. A causa delle microabrasioni che la penetrazione può creare all’entrata vaginale, può comparire e peggiorare la vestibolite vulvare, ossia un’infiammazione del vestibolo (l’entrata) della vagina, che complica ulteriormente il dolore alla penetrazione. Il microtrauma associato può coinvolgere uretra e vescica, infiammandole, e può perciò favorire la comparsa di dolori uretrali e cistiti, che compaiono 24-72 ore dopo il rapporto (“cistiti post-coitali”).
La visita ginecologica dovrà quindi valutare bene:
1) la presenza, l’estensione e la gravità del lichen;
2) la presenza eventuale di una vestibolite vulvare e la sua gravità;
3) la qualità dei tessuti dell’entrata vaginale (spesso infiammati, sottili o francamente ”atrofici”);
4) la contrazione difensiva del muscolo elevatore dell’ano, a causa del dolore ripetuto, con due possibili conseguenze: da un lato, un’ulteriore riduzione dell’entrata vaginale; dall’altro una franca mialgia.
Da un punto di vista terapeutico bisognerà affrontare tutti i fattori patogenetici che concorrono al dolore, e quindi anche la vestibolite, la mialgia, l’ipotrofia mucosa, se presenti. Quanto al lichen, si può ricorrere all’applicazione locale di pomate a base steroidea (in particolare il clobetasolo propionato) per breve periodo di tempo, per togliere il prurito e il bruciore. E’ indicato continuare poi la cura in associazione con preparati topici a base di testosterone propionato al 2%. Solo una diagnosi corretta e molto accurata, attenta a tutte le cause del dolore, e la conseguente attuazione di un rigoroso piano terapeutico potranno portarla a un miglioramento clinico e funzionale, con il conseguente ripristino di una buona qualità di vita e, soprattutto, di una sessualità gratificante. Un cordiale saluto.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

28/06/2010 - Le dermatosi quale causa di dolore vulvare

Audio stream

22/05/2012 - Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 3

15/05/2012 - Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 2

08/05/2012 - Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 1

19/09/2009 - Cistite post-coitale: fattori predisponenti, precipitanti e di mantenimento

06/03/2008 - Cistite: che cosa la scatena e come curarla

Schede mediche

01/04/2008 - Vestibolite vulvare e vulvodinia – Prima parte

08/04/2008 - Vestibolite vulvare e vulvodinia – Seconda parte

17/04/2008 - Vestibolite vulvare e vulvodinia – Terza parte

Testimonianze

18/04/2014 - Lichen sclerosus, ecco come sono guarita

08/03/2013 - Lichen sclerosus, come l'ho superato

22/10/2010 - Le mie aspettative non sono state tradite

21/11/2008 - Una guarigione attesa per ventotto anni

Medical Channel

16/06/2011 - Vulvodinia, lichen sclerosus e dermatiti vulvari: nuove prospettive di cura

25/01/2011 - Le dermatosi quale causa di dolore vulvare

Video Stream

01/05/2012 - Cistite post coitale recidivante: i fattori predisponenti che il medico può prendere in considerazione

21/02/2012 - Cistite recidivante dopo i rapporti: fattori predittivi e principi di terapia

Le vostre domande

01/06/2018 - Prurito vulvare in menopausa: la possibile causa

09/09/2016 - Lichen scleroatrofico: come limitare la progressione del disturbo

30/04/2015 - Lichen scleroatrofico vulvare: come curarsi

16/01/2015 - Lichen vulvare, come curarlo e impedirne la progressione

26/06/2014 - Lichen sclerosus e vestibolite vulvare: le terapie

14/02/2014 - Lichen vulvare, come attenuare i sintomi

01/03/2013 - Lichen sclerosus vulvare: accertamenti e terapie

Parole chiave:
Dispareunia - Dolore cronico - Ginecologia - Infiammazione - Lichen sclerosus - Secchezza vulvare - Terapia medica - Terapia ormonale locale

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico