EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Prurito vulvare in menopausa: la possibile causa

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
01/06/2018

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano

“Da tre anni soffro di prurito intenso e arrossamento vulvare. Ho interpellato numerosi ginecologi e dermatologi, ma nulla – cortisone, creme, antistaminici – si è rivelato utile se non per brevi periodi. Ora il prurito e il rossore con abrasioni si stanno dirigendo verso la zona anale. Ho 55 anni. Soffro per una brutta menopausa da 9 anni, e la mia vita intima e sociale si sta annullando. Mi potete dare qualche consiglio? Sono disperata”.
Patrizia
Gentile amica, nel suo caso, vista la persistenza di problemi a livello vulvare nonostante le diverse terapie effettuate, risulta indicata l’esecuzione di una biopsia vulvare mirata, così da porre la corretta diagnosi della sua patologia. La sintomatologia da lei descritta potrebbe indicare un lichen vulvare, patologia a genesi immunitaria, la cui terapia si basa sull’utilizzo in acuto di pomate a base di cortisone e nel cronico di preparati topici a base di vitamina E e testosterone. Il tutto va comunque valutato in base all’esito dell’esame istologico. Ne parli con il suo ginecologo di fiducia. Un cordiale saluto.
Parole chiave di questo articolo

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter