Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

08/05/2012

Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 1



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Expert Interview concessa in occasione del 27th Annual Congress of the European Association of Urology (EAU), Paris, 24-28 febbraio 2012


Sintesi dell'intervista e punti chiave

Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 1

Scarica l'intervista:
Cistite recidivante post coitale: che cosa è rilevante per l'urologo - Parte 1
(1.555 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Si chiama cistite post coitale, compare 24-72 ore dopo il rapporto (con un picco di incidenza intorno alla 48esima ora) ed è una patologia di estremo interesse non solo per il ginecologo, ma anche per l’urologo. La terapia di prima scelta, di solito, è costituita da consistenti dosi di antibiotici: una strategia che nell’immediato può essere efficace, ma che può provocare molti danni nel medio-lungo termine. Evidenze scientifiche recentissime indicano infatti come questo tipo di patologia sia favorita dalla traslocazione di germi dal colon alla vescica attraverso la parete intestinale e con il coinvolgimento del torrente circolatorio: ciò determina un’infiammazione cronica della vescica che può essere contrastata solo con una terapia multimodale che vada alla radice del problema.
Qual è il quadro fisiopatologico in cui si sviluppa e cronicizza la cistite post-coitale? Quali sono i principali fattori predittivi? In che modo va impostata una cura davvero efficace?
In questa prima parte dell’intervista, rilasciata in inglese, la professoressa Graziottin illustra:
- che cos’è la traslocazione batterica e quali conseguenze comporta sul piano clinico;
- i germi intestinali che possono colpire la vescica e la vagina;
- i tre principali fattori che anche l’urologo dovrebbe sempre esaminare: salute dell’intestino, tono del pavimento pelvico, valore del pH vaginale;
- in quale modo la stipsi ostruttiva e la sindrome del colon irritabile possono predisporre alla cistite;
- l’ulteriore contributo patogenetico, a livello gastrointestinale, delle intolleranze alimentari;
- i dati di comorbilità fra cistite post coitale e dolore ai rapporti;
- come accertare, sul piano obiettivo, l’iperattività del pavimento pelvico;
- il livello ottimale del pH vaginale;
- che cosa può accadere se il valore del pH aumenta a 5 o a valori ancora superiori;
- i pilastri della terapia multimodale: regolarizzazione dell’intestino, rilassamento fisioterapico del pavimento pelvico, normalizzazione del pH vaginale.

Per gentile concessione di TTMed Urology

top

Parole chiave:
Allergie e intolleranze alimentari - Antibiotici - Cistite / Cistite recidivante - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Ecosistema / Microbiota - Fisioterapia - Pavimento pelvico iperattivo - pH - Sindrome del colon/intestino irritabile - Stipsi - Terapia ormonale locale - Uroginecologia / Disturbi urinari

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream