Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

30/05/2009

Quando la prima volta provoca molto dolore



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Quando la prima volta provoca molto dolore

Scarica l'intervista:
Quando la prima volta provoca molto dolore
(2.832 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

«La prima volta? Solo un gran male, e la paura di essermi presa qualcosa... A chi posso rivolgermi?». E’ la domanda di molte ragazze che, al primo tentativo di rapporto completo, provano un dolore intenso, accompagnato nei giorni successivi da bruciore, rossore e gonfiore. Alcune hanno persino il dubbio di essere state realmente penetrate, tanta è la sofferenza provata e il panico che ha invaso ogni loro fibra. In più, quel dubbio maligno e implacabile: avrò contratto, per soprammercato, qualche brutta malattia?
Testimonianze di questo tipo fanno emergere due ordini di problemi: il primo è costituito dalla dispareunia in sé, che va affrontata rivolgendosi tempestivamente al ginecologo di fiducia (meglio se donna) e sottoponendosi a una rigorosa diagnosi “differenziale”, mirata cioè a identificarne le cause precise, fra le tante che la possono determinare, e la conseguente terapia; il secondo riguarda la necessità assoluta di proteggersi non solo dai concepimenti indesiderati, con una contraccezione ormonale su misura, ma anche dalle malattie sessualmente trasmesse, attraverso un uso costante e senza eccezioni del profilattico.
Da che cosa può essere provocato un dolore alla penetrazione così forte e persistente? Quali sono i rimedi? E’ vero che alcuni fattori predisponenti alla dispareunia possono provocare anche altri disturbi a carico dell’apparato urogenitale e gastrointestinale?
In questa intervista illustriamo:
- le possibili cause della dispareunia in una giovane donna al primo rapporto completo: un imene fibroso e rigido; un’eccessiva contrazione del muscolo che circonda la vagina (detto “elevatore dell’ano”); una forma più o meno grave di vaginismo;
- le opzioni terapeutiche a seconda del tipo di causa: imenotomia, biofeedback di rilassamento, aiuto farmacologico, psicoterapia;
- come i ripetuti e infruttuosi tentativi di penetrazione possano provocare microabrasioni della mucosa posta all’inizio della vagina e, di conseguenza, la temibile vestibolite vulvare;
- il ruolo dei germi vaginali e delle infezioni da Candida nello scatenare il processo infiammatorio che porta alla vestibolite;
- come l’ulteriore contrazione muscolare provocata dal dolore possa a sua volta favorire le cistiti post coitali e persino la stipsi ostruttiva;
- come talvolta lo spasmo muscolare non dipenda dalla paura della penetrazione, ma da una contrazione spontanea (“miogena”) i cui segni sono visibili e curabili sin dall’infanzia;
- l’importanza dell’alimentazione nel prevenire e curare la stipsi, sia ostruttiva che propulsiva;
- alcuni dati di incremento delle malattie sessualmente trasmesse nel corso degli ultimi anni;
- come una corretta contraccezione ormonale debba sempre accompagnarsi all’impiego del profilattico.

top

Parole chiave:
Candida / Candida recidivante - Cistite / Cistite recidivante - Contraccezione / Contraccezione ormonale - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Imene fibroso - Malattie sessualmente trasmesse - Pavimento pelvico iperattivo - Profilattico - Stipsi - Vaginismo - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream