Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

09/08/2008

Vaginismo: cause biologiche e approccio diagnostico



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Vaginismo: cause biologiche e approccio diagnostico

Scarica l'intervista:
Vaginismo: cause biologiche e approccio diagnostico
(2.538 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il vaginismo è un disturbo sessuale caratterizzato da angoscia della penetrazione, associata a una fobia di grado variabile nei confronti dei rapporti e a una contrazione muscolare riflessa, cioè involontaria, del muscolo “elevatore dell’ano”, che circonda la vagina e contribuisce a formare il pavimento pelvico.
Proprio quest’ultima componente muscolare, messa a fuoco soprattutto in tempi recenti anche grazie alla tecnica elettromiografica, ha spostato l’attenzione diagnostica e terapeutica dall’ambito esclusivamente psicologico all’area medica e psicosessuologica, permettendo inoltre di scoprire interessanti punti in comune – a livello eziologico – fra il vaginismo, relativamente poco diffuso, e altre patologie molto più note, come la stipsi ostruttiva e le cistiti postcoitali.
In questa intervista illustriamo:
- come la contrazione del pavimento pelvico – abbinata a diversi gradi di fobia – possa determinare vari livelli di vaginismo, le cui conseguenze vanno dalla dispareunia, ossia un dolore più o meno intenso ai rapporti, fino alla totale impossibilità della penetrazione;
- perché la tensione muscolare può essere responsabile anche della stipsi ostruttiva, persino nelle bambine e nelle adolescenti, e – nella donna sessualmente attiva – delle cistiti cosiddette “postcoitali”, ossia che insorgono 24-72 ore dopo il rapporto sessuale;
- perché in caso di cistiti causate da contrattura muscolare il ricorso agli antibiotici serve a poco, e può anzi causare, a lungo andare, un’alterazione dell’ecosistema urogenitale e la conseguente comparsa di infezioni da Candida;
- quali sono i sintomi e i segni più importanti che possono aiutare il medico a formulare una corretta diagnosi di vaginismo: ogni elemento può rivelarsi utile, anche le parole con cui la donna esprime il proprio disagio o il modo in cui siede sul lettino per la visita;
- le componenti fondamentali della terapia, da personalizzare in base alla gravità dei sintomi e alla natura dei fattori predisponenti, precipitanti e di mantenimento: cura farmacologica per ridurre la componente fobica e di ansia; terapia sessuologica comportamentale e riabilitativa, per ridurre la tensione muscolare generale e rilassare il pavimento pelvico; psicoterapia, per affrontare e superare gli eventuali traumi che possono aver innescato il vaginismo e i fattori emotivi che lo alimentano.

top

Parole chiave:
Cistite / Cistite recidivante - Comorbilità - Dispareunia - Disturbi sessuali femminili - Dolore ai rapporti - Fobia - Pavimento pelvico iperattivo - Rapporto medico-paziente - Stipsi - Vaginismo - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata - Visita ginecologica

Stampa

© 2008 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream