EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Endometriosi: una malattia infiammatoria molto dolorosa – Parte 1

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Endometriosi: una malattia infiammatoria molto dolorosa – Parte 1

01/11/2016

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Intervista rilasciata in occasione del congresso su “La gestione clinica e chirurgica della paziente endometriosica in un centro di III livello: meet the experts”, Negrar (VR), 21 maggio 2016

Sintesi del video e punti chiave

L’endometriosi è una patologia insidiosa che spesso sfugge alla diagnosi precoce: la donna si trova così a convivere con il dolore anche per molti anni, prima di ricevere una terapia adeguata. Per curarla in modo tempestivo ed efficace, occorrono una visione fisiopatologica e clinica integrata, e una stretta collaborazione fra diversi ambiti specialistici.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- che cos’è l’endometriosi e qual è il processo patologico che la contraddistingue;
- che cos’è, in particolare, l’endometrio ectopico, dove si può annidare e come si comporta durante il ciclo;
- come alla base della mestruazione vi sia un processo infiammatorio fisiologico, finalizzato al rinnovamento dell’endometrio, di intensità e durata limitata, e con poco dolore;
- come, al contrario, l’infiammazione innescata dallo sfaldamento dell’endometrio ectopico nei tessuti che lo ospitano sia non finalizzata, di durata protratta, sempre più intensa ciclo dopo ciclo, e tendente a provocare un fortissimo dolore mestruale e, con il tempo, dolore pelvico cronico;
- l’etimo latino della parola “infiammazione”, rivelativo dell’incendio biochimico che la caratterizza;
- come il dolore mestruale invalidante non sia mai da sottovalutare ma, al contrario, rappresenti il forte segnale di un’infiammazione patologica da curare adeguatamente.
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter