Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

08/07/2014

Endometriosi – Parte 2: perché provoca dolore



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Endometriosi – Parte 2: perché provoca dolore

Sintesi del video e punti chiave

Perché il dolore è il sintomo principale dell’endometriosi? La risposta è semplice: perché lo sfaldamento dell’endometrio e il sanguinamento in tessuti esterni all’utero comporta un’infiammazione importante e progressiva dei tessuti stessi.
Quali sono i meccanismi di questa infiammazione? Quali sono le forme di dolore più frequenti nella donna colpita da endometriosi?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come l’infiammazione sia provocata dai mastociti, cellule immunitarie di difesa che accorrono laddove si verifica il sanguinamento;
- che cosa rilasciano i mastociti: sostanze proinfiammatorie e Nerve Growth Factor (NGF), il fattore di crescita dei nervi;
- come la degranulazione dei mastociti determini tutti i tipici sintomi dell’infiammazione - rossore, dolore, gonfiore, calore, lesione funzionale – ma anche, tramite il NGF, una proliferazione delle fibre del dolore, soprattutto nelle isole endometriosiche più profonde;
- i diversi tipi di dolore che la donna può avvertire: dismenorrea, dolore ovulatorio, dolore alla penetrazione profonda (quando sia coinvolto il legamento utero-sacrale), dolore addominale, dolore alla defecazione (dischezia);
- come un dolore periodico di questo tipo, che compare o si aggrava con la mestruazione, debba immediatamente portare a formulare l’ipotesi di endometriosi e a fare gli approfondimenti diagnostici appropriati.

Realizzazione tecnica di Teofilm

top

Parole chiave:
Dischezia - Dismenorrea (dolore mestruale) - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Dolore ovulatorio - Dolore pelvico cronico - Endometriosi - Infiammazione - Mastocita

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream