Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

21/03/2009

Diagnosi dell'endometriosi: l'importanza di ascoltare i sintomi



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Diagnosi dell'endometriosi: l'importanza di ascoltare i sintomi

Scarica l'intervista:
Diagnosi dell'endometriosi: l'importanza di ascoltare i sintomi
(2.499 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

L’endometriosi può provocare dolori mestruali invalidanti anche in giovane età, sin dal primo ciclo. Eppure la risposta dei genitori e dei medici è quasi sempre: abbi pazienza, con il tempo passerà. E’ invece importante capire che quel dolore così grave non passerà affatto perché l’endometriosi è una patologia che, se non curata, progredisce inesorabilmente, provocando nel tempo non solo sofferenze sempre più intense, ma anche danni tissutali e funzionali, sino all’infertilità o alla menopausa precoce. Oggi il tempo medio per arrivare a una diagnosi corretta è di oltre nove anni: un ritardo inammissibile, perché il dolore ci dice sempre che qualcosa nel nostro corpo non funziona come dovrebbe. D’altra parte, come ha dimostrato un recente studio inglese condotto su 5540 donne con diagnosi certa di endometriosi, nel 73% dei casi già solo il corretto inquadramento dei sintomi consentirebbe di identificare con sicurezza la malattia, senza necessità immediata di complessi e costosi esami. E’ quindi fondamentale che la famiglia non sottovaluti i sintomi che la ragazza accusa e che il medico sia preparato ad ascoltarli e a riconoscerli.
Che cos’è l’endometriosi? Perché provoca dolore? Quali sono i sintomi che il ginecologo dovrebbe indagare per giungere alla diagnosi? Come si può curare?
In questa intervista illustriamo:
- la causa della malattia: la presenza di frammenti (o isole) di endometrio “ectopici”, ossia al di fuori della loro sede naturale (lo strato interno dell’utero);
- gli organi più frequentemente interessati dalla presenza di questi frammenti: ovaio, tube, peritoneo, altri organi pelvici (vagina, vescica, vulva, retto, colon, legamenti utero-sacrali), regioni extra-addominali (nervi, polmoni);
- come le isole endometriosiche rispondano agli stimoli ormonali tipici dell’ovulazione, crescendo in altezza durante la prima metà del ciclo, arricchendosi di zuccheri e sostanze nutritive durante la seconda, e sfaldandosi infine negli organi ospiti, causando – attraverso il sangue così liberato – una fortissima reazione infiammatoria e intensi dolori;
- i sintomi critici: dolore mestruale invalidante; dolore diffuso nella regione addominale o pelvica; mestruazioni abbondanti (metrorragia); dolore alla penetrazione profonda; piccole perdite di sangue dopo il rapporto (spotting); dolori ovulatori a metà ciclo; infertilità inspiegata;
- di quante volte la presenza di questi sintomi aumenta la probabilità che la diagnosi corretta sia proprio quella di endometriosi;
- la specifica “manovra” che il ginecologo deve effettuare per confermare l’ipotesi diagnostica, quando il sintomo riportato sia la dispareunia profonda;
- le due principali opzioni terapeutiche: pillola o cerotto contraccettivo in continua (ossia senza pause); progestinico, sempre in continua;
- come queste terapie consentano di ridurre numero, quantità e durata dei flussi, eliminando il dolore e bloccando la progressione della malattia.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

21/02/2011 - L'Associazione Italiana Endometriosi

Audio stream

04/10/2008 - Endometriosi: sintomi principali e indicazioni terapeutiche

13/04/2008 - Endometriosi: caratteristiche generali

25/05/2008 - Endometriosi: cause, sintomi e impatto sulla fertilità

01/06/2008 - Endometriosi: ruolo del mastocita, iperattivazione del sistema del dolore e terapie

07/06/2008 - Endometriosi: impatto sulla funzione sessuale, sulla relazione di coppia e sulla fertilità

Schede mediche

10/07/2008 - Endometriosi - Prima parte: Che cos'è e perché causa dolore

17/07/2008 - Endometriosi - Seconda parte: Come arrivare a una diagnosi precoce

24/07/2008 - Endometriosi - Terza parte: Come si cura

31/07/2008 - Endometriosi - Quarta parte: L'impatto sulla sessualità

Testimonianze

04/06/2010 - Una storia di dolore, una storia fortunata

12/02/2010 - Prima regola contro l'endometriosi: cercare il medico giusto

30/01/2009 - L'importanza della competenza

10/10/2008 - La mia storia si chiama "aurora"

01/08/2008 - La mia lunga battaglia contro l'endometriosi

14/03/2008 - Il sentiero intimo e fragile del dolore

Video Stream

22/11/2016 - Endometriosi: una malattia infiammatoria molto dolorosa – Parte 3

08/11/2016 - Endometriosi: una malattia infiammatoria molto dolorosa – Parte 2

01/07/2014 - Endometriosi – Parte 1: che cos'è e come si diagnostica

06/05/2014 - Endometriosi: alcuni messaggi chiave per i ginecologi

10/02/2011 - L'Associazione Italiana Endometriosi

Parole chiave:
Alimentazione - Diagnosi differenziale - Dismenorrea (dolore mestruale) - Endometriosi - Fertilità e infertilità - Ginecologia - Infiammazione - Mastocita - Terapia contraccettiva - Terapia del dolore

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream