Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

01/11/2010

SIGO 2010 – Razionale e obiettivi del Congresso



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Dal 14 al 17 novembre 2010 si terrà a Milano l’86° Congresso Nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), di cui la professoressa Alessandra Graziottin è co-presidente.
In sinergia con SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia) e AOGOI (Associazione degli Ostetrici e dei Ginecologi Ospedalieri Italiani) prosegue la pubblicazione anche su questo sito degli obiettivi di apprendimento delle letture della professoressa Graziottin e di altri relatori, dei corsi e delle sessioni congressuali.


Premessa

L’86° Congresso Nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) che si terrà a Milano dal 14 al 17 Novembre 2010 rappresenta un momento essenziale nel percorso di aggiornamento e formazione dei ginecologi italiani. Questo Convegno presenta una forte continuità con la tradizione scientifica precedente, con un ulteriore impegno sul fronte del rigore formativo.

top

Obiettivi di apprendimento

1. Offrire corsi e sessioni evidence-based, di alto profilo scientifico e clinico, con obiettivi di apprendimento – di ciascuna sessione e ciascuna relazione – scritti e pubblicati on line in grande anticipo così che ogni ginecologo possa scegliere prima “il proprio congresso”, ottimizzando frequenze e apprendimento. Un’iniziativa innovativa sia rispetto al passato SIGO, sia rispetto alle altre realtà congressuali italiane;
2. presentare sessioni critiche e scientificamente provocatorie sui temi tradizionali, per stimolare un ripensamento e un aggiornamento dei propri percorsi decisionali clinici, soprattutto in tema di chirurgia conservativa;
3. stimolare una riflessione deontologica, professionale ed etica su una ginecologia e un’ostetricia realmente al servizio e a fianco della donna, dall’adolescenza alla vecchiaia, con attenzione alle ripercussioni sul bambino e sulla coppia. Una riflessione che catalizzi una maggiore professionalità e responsabilità, non solo per una ginecologia-ostetricia migliore, ma anche per avere specialisti più gratificati e valorizzati.

top

Metodo

Sono stati organizzati corsi di formazione sia pre-congressuali sia intercongressuali, per potenziare le opportunità di ripensare e aggiornare le conoscenze del ginecologo pratico – universitario, ospedaliero e territoriale – con focus particolare su:
1. emergenze in ostetricia, oggi prioritarie nella sanità nazionale;
2. riabilitazione del pavimento pelvico, struttura essenziale per la qualità della vita in tutta l’esistenza femminile, centrale per continenza, supporto degli organi pelvici e sessualità;
3. dolore, sia in forma di dolore pelvico cronico, sia di vulvodinia, per migliorare la capacità diagnostica e terapeutica dei ginecologi su un fronte ancora trascurato.
Sessioni innovative riguardano il ripensamento di una chirurgia al servizio della donna, attenta a:
1. ottimizzare le vere indicazioni chirurgiche;
2. costruire un metodo di progressione decisionale dalla terapia conservativa medica a quella chirurgica;
3. ottimizzare un processo decisionale di cui la donna sia consapevole e partecipe, con questi obiettivi finali: minimizzare l’invasività, ottimizzandone il rapporto costi-benefici e l’outcome terapeutico; contenere i costi, non amputando acriticamente le spese, ma risparmiando dove l’essere conservativi costituisce un reale vantaggio innanzitutto per la donna, oltre che per la sanità pubblica e la società.
Sessioni articolate riguardano la protezione della fertilità e la cura dell’infertilità, temi urgenti in un’Italia dalle cicogne incerte e tardive, che ha il record europeo negativo della natalità, e quello positivo delle gravidanze oltre i 40 anni.
Sessioni di consolidamento e aggiornamento del sapere tradizionale riguardano l’ostetricia, con speciale attenzione alla diagnostica ecografica, e alla diagnosi e cura delle emergenze ostetriche.
Speciale attenzione è dedicata alla formazione ineludibile sul fronte della depressione in gravidanza e puerperio, con la collaborazione interdisciplinare dei colleghi psichiatri.
Una revisione critica dello stato dell’arte è ben approfondita anche per l’oncologia ginecologica.
Sessioni centrali sono dedicate alle specificità e necessità delle popolazioni immigrate con l’obiettivo di fornire un’assistenza ginecologica e ostetrica di ottimo livello anche alle donne che provengono da realtà disagiate e con persistenti barriere culturali e linguistiche.
Ampio e innovativo spazio educazionale e formativo è stato dato all’interdisciplinarietà. Sono stati invitati scienziati e clinici di eccellenza sul fronte nazionale e internazionale, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo del ginecologo nei confronti dell’intera salute della donna, con focus evidence-based su:
- malattie sessualmente trasmesse;
- stili di vita e fattori modificabili nella genesi dei tumori, tema centrale oggi;
- effetti positivi del sonno, del movimento fisico e di un’alimentazione adeguata sull’intera salute femminile;
- effetti negativi degli stili di vita inadeguati;
- aggiornamento sugli effetti tossici del fumo e dell’alcol in ginecologia, ostetricia e oncologia.
Uno sguardo speciale è dedicato alle specificità di genere, con focus in cardiologia.
Complessivamente, un congresso dal notevole impegno scientifico e formativo, in preparazione del Congresso Mondiale di Ginecologia e Ostetricia (FIGO) che l’Italia ha l’onore di ospitare, a Roma, nel 2012.

top

Parole chiave:
Chirurgia ginecologica - Depressione - Dolore pelvico cronico - Dolore vulvare / Vulvodinia - Fertilità e infertilità - Ginecologia - Malattie sessualmente trasmesse - Oncologia ginecologica - Ostetricia - Stili di vita

Stampa

© 2010 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico