Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

18/03/2016

Menopausa: con gli ormoni ho ritrovato l'energia e la gioia di essere desiderata


Le vostre lettere alla nostra redazione


Avevo 46 anni: ho cominciato ad avere sudorazioni notturne, a soffrire d’insonnia e ad avere vuoti di memoria; ero sempre stanca e con scarso desiderio. La mia ginecologa di allora mi disse: «E’ in menopausa, si rassegni!».
Ma possibile? Non si può vivere così, non riuscivo neanche a concentrarmi al lavoro! Così, navigando su Internet, alla parola “menopausa” ho trovato il nome della professoressa Alessandra Graziottin, che parlava dell’importanza della terapia ormonale sostitutiva.
Sono andata da lei: mi ha ascoltata, mi ha rassicurata e mi ha prescritto una terapia “su misura” non solo a base di estrogeni, grandi alleati del benessere e della bellezza femminile, ma comprendente anche una pomata al testosterone da applicare tutte le sere sui genitali. In questo modo, oltre a stare meglio e a recuperare l’energia, ho ritrovato il piacere, la voglia, la gioia di fare l’amore con il mio compagno e di sentirmi desiderata! Ora di anni ne ho 54… Grazie, professoressa Alessandra!
Lella

top

Parole chiave:
Estrogeni - Menopausa - Sintomi menopausali - Terapia ormonale locale - Terapia ormonale sostitutiva - Testosterone

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico