Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Segnala Stampa

17/03/2017

Menopausa e vescica instabile: con estrogeni locali e Dhea sto finalmente meglio




Ho sessant’anni e mi sono rivolta alla professoressa Graziottin dopo aver letto molti articoli su di lei e sulla sua professionalità rivolta al benessere della donna matura.
Avevo problemi di vescica instabile, con frequenti e antipatiche minzioni, dolore ai rapporti dovuto a secchezza vaginale e cistiti, osteopenia: insomma, tutti problemi legati all’avanzare dell’età.
La professoressa Graziottin mi sta curando a 360 gradi, con estrogeni locali, Dhea e integratori, e dopo tre mesi dall’inizio della cura posso affermare che mi sento veramente meglio. La vescica si è stabilizzata e sto ricominciando ad avere rapporti intimi senza dolore. Continuerò a seguire le sue indicazioni per poter vivere ancora a lungo il mio “sentirmi donna”.
Grazie professoressa, spero che queste mie parole possano essere d’aiuto alle donne con i miei stessi problemi!
Un cordiale saluto,
Rosa

top

Parole chiave:
Deidroepiandrosterone (DHEA) - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Fitoterapici e integratori - Menopausa - Osteopenia - Sintomi menopausali - Terapia ormonale locale - Urgenza minzionale

Segnala Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico