Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

08/07/2011

Cisti ovariche endometriosiche: quando sono grosse è meglio asportarle



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


“Sono la mamma di una giovane di 31 anni che da tempo soffre di endometriosi. All’ecografia risulta una cisti di 6 centimetri all’ovaio sinistro. Tutti i medici che abbiamo consultato hanno consigliato l’intervento. Negli ultimi tempi, tuttavia, mia figlia non ha più i forti dolori mestruali di prima e, se non sapessimo della presenza della cisti, potremmo pensare che tutto sia nella normalità. Mi rivolgo a Voi per chiedere: 1. l’intervento è necessario o ci sono terapie che possano ridurre le dimensioni della cisti e garantire la fertilità? 2. nel caso non ci fossero alternative all’intervento, quali sono i centri specializzati più affidabili? 3. il tessuto endometriosico può trasformarsi in tumore? La mia preoccupazione è forte e gli episodi di malasanità sempre più frequenti accrescono la mia angoscia. Grazie di cuore”.
Paola C.

top

Gentile signora Paola, una cisti di sei centimetri viene in genere asportata, anche per evitare il rischio di una torsione ovarica. Dopo l’intervento, una pillola contraccettiva oppure un progestinico assunti continuativamente possono ridurre le recidive dell’80 per cento. Vanno assunti senza interruzione (se non ci sono controindicazioni mediche), fino a quando la signora non desidererà una gravidanza. La degenerazione tumorale è possibile, ma abbastanza rara.
A Milano, i centri migliori sono il San Raffaele e la clinica Mangiagalli; a Torino, la Clinica Universitaria Sant’Anna e l’ospedale Mauriziano.
Infine, dal punto di vista della fertilità, l’asportazione di una voluminosa cisti e/o di un ovaio riduce il patrimonio di cellule riproduttive (ovociti). E’ quindi bene non rimandare a lungo la decisione di una gravidanza, se sua figlia è in coppia. Se è single, o comunque non orientata attualmente a procreare, è bene valutare la riserva ovarica dopo l’intervento, con opportuni esami (dosaggio sul sangue di inibina B e ormone antimulleriano). Se fossero bassi, è possibile pensare al salvataggio degli ovociti, con crioconservazione. Uno dei centri migliori in Italia è quello diretto dalla Prof.ssa Eleonora Porcu a Bologna. Mille auguri di cuore.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

21/03/2011 - Endometriosi: mastocita e comorbilità

03/05/2010 - Endometriosi e dispareunia: diagnosi e terapia

Audio stream

21/03/2009 - Diagnosi dell'endometriosi: l'importanza di ascoltare i sintomi

11/10/2008 - Cisti ovariche: tipologia, metodi diagnostici e opzioni terapeutiche

04/10/2008 - Endometriosi: sintomi principali e indicazioni terapeutiche

13/04/2008 - Endometriosi: caratteristiche generali

25/05/2008 - Endometriosi: cause, sintomi e impatto sulla fertilità

01/06/2008 - Endometriosi: ruolo del mastocita, iperattivazione del sistema del dolore e terapie

07/06/2008 - Endometriosi: impatto sulla funzione sessuale, sulla relazione di coppia e sulla fertilità

Schede mediche

24/07/2008 - Endometriosi - Terza parte: Come si cura

Testimonianze

04/06/2010 - Una storia di dolore, una storia fortunata

23/04/2010 - Una storia di sofferenza e frustrazione

12/02/2010 - Prima regola contro l'endometriosi: cercare il medico giusto

23/10/2009 - La luce dopo l'endometriosi, ma con un alto prezzo da pagare

10/10/2008 - La mia storia si chiama "aurora"

01/08/2008 - La mia lunga battaglia contro l'endometriosi

Medical Channel

09/06/2011 - Dolore pelvico cronico ed endometriosi: nuove prospettive di diagnosi e terapia

30/11/2010 - Endometriosi e dispareunia: diagnosi e terapia

Video Stream

20/05/2014 - Endometriosi, quando ricorrere alla chirurgia

Le vostre domande

23/12/2011 - Cisti endometriosiche, che cosa fare dopo l'operazione

18/03/2011 - Terapia contraccettiva dell'endometriosi

21/01/2011 - Cura dell'endometriosi: ruolo della terapia contraccettiva

28/05/2010 - Dopo l'endometriosi: come proteggere la fertilità

Parole chiave:
Chirurgia ginecologica - Endometriosi - Ginecologia - Pillola contraccettiva continuativa - Progesterone / Progestinici - Recidiva

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico