Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

23/03/2020

Ruolo degli ormoni maschili in terapia sostitutiva: quando, a chi e perché


Alessandra Graziottin
Ruolo degli ormoni maschili in terapia sostitutiva: quando, a chi e perché
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "La donna dai 40 anni in poi: progetti di salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 24 maggio 2019, p. 112-121


Nella donna in età fertile, gli ormoni maschili – testosterone, androstenedione, deidroepiandrosterone (DHEA) e deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S) – sono molto più elevati degli estrogeni, a livello sia plasmatico sia tissutale. Unica eccezione è la gravidanza, in cui l’estradiolo può raggiungere i 35-40.000 picogrammi/ml a termine.
Gli studi scientifici sul ruolo degli androgeni sul cervello e sulla salute globale delle donne sono molto incoraggianti. La terapia sostitutiva con testosterone e DHEA, in donne con bassi livelli di androgeni, migliora il senso di benessere, l’energia vitale, la funzione sessuale e le funzioni cognitive e cardiovascolari, oltre al trofismo muscolare e osseo.

top

Parole chiave:
Androgeni - Deidroepiandrosterone (DHEA) - Menopausa - Prasterone - Terapia ormonale sostitutiva - Testosterone

Stampa

© 2020 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici