Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

09/11/2015

DHEA e testosterone: ruolo degli ormoni maschili dopo menopausa precoce


Tommaso Simoncini
DHEA e testosterone: ruolo degli ormoni maschili dopo menopausa precoce
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 87-92


I più importanti androgeni nella donna sono il deidroepiandrosterone solfato (DHEAS), il deidroepiandrosterone (DHEA), l’androstenedione (A), il testosterone (T) e il diidrotestosterone (DHT).
Se in passato l’utilizzo di terapie androgeniche è stato piuttosto limitato a causa della scarsa disponibilità di preparati specificatamente disegnati per la donna, oggi sembrano aprirsi nuovi orizzonti terapeutici per la cura del deficit androgenico nella donna in menopausa – fenomeno che appare maggiormente grave e rilevante nelle giovani pazienti con POF – al fine di migliorare la qualità della vita ed in particolare la sintomatologia sessuale che appare responsiva alle terapie androgeniche.

top

Parole chiave:
Androgeni - Deidroepiandrosterone (DHEA) - Disturbi dell'umore - Disturbi sessuali femminili - Menopausa precoce spontanea - Terapia ormonale sostitutiva - Testosterone

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici