Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Medical Channel

Condividi su
Stampa

20/03/2017

Fibromatosi, IUD e controllo del ciclo. Indicazioni e limiti


Dott.ssa Novella Russo
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
Demetra Centro Medico, Grottaferrata – Clinica Valle Giulia, Roma


Novella Russo
Fibromatosi, IUD e controllo del ciclo. Indicazioni e limiti
Corso ECM su "Fibromatosi uterina, dalla A alla Z", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 21 ottobre 2016


Fibromatosi, IUD e controllo del ciclo. Indicazioni e limiti

Sintesi del video e punti chiave

La fibromatosi uterina colpisce il 20-50 per cento delle donne intorno ai 30 anni, e la sua incidenza cresce con l’età. E’ più frequente in alcuni gruppi etnici (per esempio, le afroamericane) e ha un notevole impatto sulla qualità della vita. Presenta una sintomatologia emorragica nel 50 per cento dei casi, ed è proprio rispetto a questo sintomo che il dispositivo intrauterino al levonorgestrel (LNG-IUD) si dimostra particolarmente efficace.
In questo video, la dottoressa Novella Russo illustra:
- le principali indicazioni all’utilizzo del LNG-IUD: contraccezione, flussi mestruali abbondanti, prevenzione dell’iperplasia endometriale durante terapia estrogenica sostitutiva, terapia dei fibromi in assenza di distorsioni della cavità uterina;
- come tutti i più autorevoli studi confermino che il LNG-IUD riduce drasticamente il sanguinamento dovuto ai fibromi;
- le altre indicazioni all’utilizzo del dispositivo: dismenorrea, dolore pelvico cronico, anemia sideropenica, adenomiosi, endometriosi, sanguinamenti anomali determinati da disordini del sistema coagulativo;
- le linee guida cliniche della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO 2006) e del National Institute for Health e Care Excellence (NICE 2007 e 2017) sull’utilizzo terapeutico del LNG-IUD;
- il livello di soddisfazione delle donne che ricorrono al dispositivo, documentato da un recente studio;
- le controindicazioni all’uso del dispositivo, oltre a quelle elencate in scheda tecnica: stenosi serrata del canale cervicale, presenza di fibromi che deformano la cavità uterina, persistenza della menometrorragia anche dopo l’inserimento, patologia neoplastica uterina;
- le indicazioni di uno studio di confronto fra il LNG-IUD e l’ulipristal acetato.

top

Parole chiave:
Dispositivo intrauterino al levonorgestrel (LNG-IUD) - Fibromatosi uterina - Ginecologia - Menometrorragia

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Medical Channel