EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Dolore mestruale da endometriosi: i motivi di una diagnosi spesso tardiva

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Dolore mestruale da endometriosi: i motivi di una diagnosi spesso tardiva

22/03/2022

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

Una delle cause più importanti di dolore mestruale è l’endometriosi. Eppure, fra l’insorgenza del dolore e la diagnosi corretta possono passare anche 7-9 anni. Il motivo di questo ritardo è la tendenza di molti medici a sottovalutare i sintomi portati in consultazione dalla donna, e a concentrarsi esclusivamente sulle risultanze della diagnostica per immagini.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come nell’endometriosi vi sia una fase preclinica in cui le lesioni non sono ancora visibili ma la diagnosi sarebbe indubbia, se si ponesse la dovuta attenzione al dolore lamentato dalla paziente;
- quali sono le caratteristiche cliniche dell’endometriosi, e quante donne ne sono colpite;
- che cos’è, in particolare, l’endometrio ectopico, dove si può trovare e perché, sfaldandosi in corrispondenza della mestruazione, provoca forte dolore;
- in quali casi si parla di adenomiosi;
- come nel lungo termine, in assenza di terapie, l’infiammazione correlata alla malattia diventi cronica, con danni irreversibili all’architettura dei tessuti interessati;
- perché un’isola endometriosica può provocare forte dolore anche se non è ancora visibile con gli attuali mezzi di indagine;
- quanto conta l’esperienza dell’operatore nell’identificazione delle lesioni;
- che cos’è l’endometriosi infiltrante profonda;
- come il medico attento debba ascoltare con attenzione i sintomi della donna, impostando tempestivamente una terapia non solo sintomatica, ma atta ad arrestare la progressione della malattia.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone
Sullo stesso argomento per professionisti

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter