Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

15/05/2014

Cistite post coitale recidivante: indispensabile una terapia multimodale


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


“Soffro da tanto tempo di dolori alla vescica e di cistiti ricorrenti che si manifestano dopo il rapporto col mio compagno. L’urinocoltura risulta sempre negativa e devo ricorrere agli antibiotici, anche se ormai non mi fanno quasi più effetto. Ho fatto mille ecografie ai reni perché il dolore si estende al fianco sinistro e ho consultato vari urologi e ginecologi che, però, mi dicono sempre che è tutto a posto. Ho fatto anche un tampone vaginale per la candida e la clamidia, con risultato negativo. Non reggo più questa situazione. Preciso che ho 51 anni e sono in menopausa da sette, ma non faccio la terapia ormonale sostitutiva per problemi di noduli al seno”.
Antonia M.

top

Gentile Antonia, le cistiti postcoitali compaiono per definizione entro 24-72 ore dal rapporto e sono caratterizzate clinicamente da bruciore vescicale e uretrale, minzione frequente e dolorosa, con un dolore o bruciore che dura anche dopo la fine del getto, e talvolta perdite di sangue nelle urine (ematuria). La cura con antibiotici va bene solo se l’infezione è acuta: per liberarsi delle recidive bisogna invece lavorare sui fattori predisponenti, precipitanti e di mantenimento.
Iniziamo dai fattori predisponenti. Innanzitutto, vanno diagnosticati e curati gli eventuali i problemi intestinali: stitichezza e sindrome dell’intestino irritabile, ma anche intolleranze alimentari (specialmente al glutine o al lattosio), che peggiorano la vulnerabilità alle cistiti, e tutte le condizioni che infiammano la parete dell’intestino. I germi intestinali, infatti, penetrano nelle cellule intestinali infiammate (“traslocazione batterica”), entrano nel sangue e da lì passano alla vescica. Anche il diabete triplica il rischio di cistiti: per accertarne la presenza, basta valutare la glicemia e l’emoglobina glicata con un normale prelievo di sangue.
In secondo luogo, bisogna valutare:
- il tono del muscolo elevatore dell’ano: se è contratto, facilita l’irritazione dell’uretra durante il rapporto, oltre a causare microabrasioni dell’entrata vaginale (e questo, a propria volta, può causare dolore ai rapporti e infiammazione, sino alla temibile vestibolite vulvare);
- il livello di estrogeni vaginali, che condiziona sia il pH e l’ecosistema vaginale, sia la capacità dell’uretra di difendersi dai traumi meccanici e dalla risalita di germi dai genitali esterni: in caso di squilibrio (molto probabile nel suo caso, visto che è in menopausa da diversi anni e non fa la terapia ormonale sostitutiva), può essere ripristinato – sempre sotto controllo medico – con estrogeni locali, privi di rischi sotto il profilo sistemico.
Tra i fattori precipitanti ci sono il rapporto sessuale (il 60% delle cistiti compare 24-72 ore dopo un rapporto, proprio come nel suo caso), i colpi di freddo e lo stress acuto. I fattori di mantenimento sono l’omissione diagnostica dei fattori che determinano il problema, come purtroppo è accaduto a lei, e una terapia inadeguata (conseguenza pressoché automatica di una diagnosi mal fatta).
A fronte di una eziologia così complessa, la terapia include:
- la regolarizzazione dell’intestino, con eliminazione degli alimenti cui si sia eventualmente intolleranti e la limitazione degli zuccheri semplici;
- il rilassamento del muscolo elevatore contratto, con fisioterapia e/o biofeedback di rilassamento;
- l’ottimizzazione del livello di estrogeni in vagina, di cui abbiamo già parlato;
- gli estratti di mirtillo rosso e i probiotici, che aiutano a migliorare l’ecosistema intestinale e a proteggere la parete interna della vescica (urotelio) dagli attacchi dell’Escherichia Coli;
- il destro mannosio, uno zucchero inerte che intercetta l’Escherichia Coli e ne riduce la capacità aggressiva nei confronti dell’urotelio;
- l’evitamento della penetrazione finché non si siano normalizzati questi diversi aspetti: questo è un elemento molto importante, anche se richiede sacrificio;
- la massima attenzione ai colpi di freddo.
Nel caso in cui le microabrasioni del vestibolo vaginale avessero già provocato una vestibolite vulvare (problema però a cui lei non accenna), a questa terapia andrebbero associati:
- farmaci antinfiammatori, per bloccare l’iperattivazione dei mastociti, cellule del sistema immunitario che scatenano l’infiammazione;
- farmaci antimicotici contro un’eventuale infezione da candida, a cui la vestibolite è spesso associata;
- una dieta priva anche di prodotti lievitati (come il pane, la pasta o la pizza).
Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Allergie e intolleranze alimentari - Cistite post coitale - Cistite recidivante - Diabete - Pavimento pelvico iperattivo - Sindrome dell'intestino irritabile - Stipsi - Traslocazione batterica - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico