Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

27/08/2018

Cervello viscerale e dolore: il ruolo dell'intestino


Stanghellini V.
Cervello viscerale e dolore: il ruolo dell’intestino
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Patologie ginecologiche benigne e dolore: come scegliere il meglio fra terapie mediche e chirurgiche", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 25 maggio 2018, p. 21-26


Il canale alimentare è dotato di un vero e proprio cervello denominato sistema nervoso enterico (ENS o little brain), del tutto autonomo rispetto al sistema nervoso centrale (big brain), col quale è peraltro strettamente connesso. L’intestino può determinare vari tipi di dolore anche molto diversi tra loro per sede e caratteristiche che possono mimare qualsiasi altra origine.
La collaborazione tra medico internista/gastroenterologo e ginecologo può contribuire a diagnosi differenziali più articolate e, soprattutto, a terapie più mirate ed efficaci del dolore addomino-pelvico e di altri sintomi associati.

top

Parole chiave:
Cervello viscerale / Sistema nervoso enterico - Dolore viscerale - Infiammazione - Microbiota intestinale - Sindrome del colon/intestino irritabile

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici