EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Prevalence of domestic violence during pregnancy and related risk factors: a cross-sectional study in southern Sweden

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
17/07/2014

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Finnbogadóttir H, Dykes AK, Wann-Hansson C.
Prevalence of domestic violence during pregnancy and related risk factors: a cross-sectional study in southern Sweden
BMC Womens Health. 2014 May 1; 14: 63. doi: 10.1186/1472-6874-14-63
Valutare la prevalenza della violenza domestica sulle donne in stato di gravidanza nella contea svedese di Scania, e studiare le correlazioni tra questo fenomeno e alcuni fattori psichici, come i sintomi depressivi e i disturbi del senso di coerenza: è questo l’obiettivo della ricerca di Hafrún Finnbogadóttir e collaboratrici, del Department of Care Science della Malmö University, in Svezia.
Il concetto di “senso di coerenza” è stato sviluppato dal sociologo della medicina Aaron Antonovsky (1923-1994) ed esprime un orientamento generale della persona caratterizzato da un senso durevole e dinamico di fiducia. Secondo Antonovsky, più è marcato il senso di coerenza, più grande è la probabilità di avere stili di vita responsabili e di operare a favore della propria salute.
La violenza domestica durante la gravidanza è problema serio che minaccia la salute della madre e del feto. Lo studio ha coinvolto 1939 donne di età superiore ai 18 anni, con questionari distribuiti in 17 consultori di cura prenatale situati in due città e sei piccoli centri della contea.
Ecco i risultati:
- il 39,5% delle partecipanti (n=761) ha riportato una storia di violenza nel corso della propria vita;
- queste donne, rispetto alle altre, hanno una maggiore probabilità di essere single e sole, di essere disoccupate e con problemi finanziari, di fumare e fare uso di droghe, di non avere desiderato la gravidanza, di avere avuto in passato uno o più aborti spontanei o volontari (p < 0.001);
- l’incidenza della violenza domestica durante la gravidanza, indipendentemente dal tipo e dalla gravità dell’abuso, è pari all’1% (n=18);
- l’incidenza di abuso fisico perpetrato dal partner attuale è pari al 2.2% (n=42);
- la storia personale di violenza è il più forte fattore di rischio associato al rischio di violenza domestica durante la gravidanza: le 18 donne che hanno subito abusi nel corso della gestazione avevano anche una storia personale di questo tipo (p < 0.001). Se ne deduce che la violenza richiama altra violenza, in un circolo vizioso in cui con ogni probabilità giocano un ruolo determinante anche l’alterazione del senso di coerenza e la bassa autostima che caratterizzano queste donne sfortunate;
- numerosi sintomi depressivi (con dati corretti per bassa condizione socio-economica, storia di aborto spontaneo o volontario, status di single, disturbi del sonno, disoccupazione, età e parità) sono associati a un rischio sette volte maggiore di essere state esposte a violenza domestica durante la gravidanza (OR 7.0; 95% CI: 1.9-26.3).
Le Autrici concludono sottolineando che:
- la prevalenza della violenza domestica specificamente perpetrata durante la gravidanza è, nella regione svedese presa in considerazione, relativamente bassa;
- tuttavia, e questo è il dato che più fa riflettere, una considerevole percentuale di donne presenta comunque una storia personale di violenza familiare;
- sia una pregressa storia di abusi, sia la presenza di sintomi depressivi rilevati nel corso della gestazione possono indicare che la donna è stata esposta a violenza domestica durante la gestazione stessa;
- è quindi necessario prestare maggiore attenzione alle donne che presentano questi fattori di rischio, per proteggere la loro salute e quella del piccolo che portano in grembo.
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter