EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Emicrania: dati di prevalenza a livello mondiale. Uno studio condotto a Stanford

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
09/03/2017

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Woldeamanuel YW, Cowan RP.
Migraine affects 1 in 10 people worldwide featuring recent rise: a systematic review and meta-analysis of community-based studies involving 6 million participants
J Neurol Sci. 2017 Jan 15; 372:307-315. doi: 10.1016/j.jns.2016.11.071. Epub 2016 Dec 3
Valutare la prevalenza dell’emicrania a livello mondiale e di singole comunità: è questo l’obiettivo dello studio di Y.W. Woldeamanuel e R.P. Cowan, ricercatori dello Stanford Headache and Facial Pain Program presso la Stanford University School of Medicine di Palo Alto, Stati Uniti.
L’analisi è stata condotta sugli articoli apparsi in PubMed/MedLine, Scopus e Web of Science dal 1° gennaio 1920 al 31 agosto 2015: copre dunque un arco di tempo molto ampio. La strategia di ricerca e di analisi è stata messa a punto seguendo le linee guida Prisma e Moose. Complessivamente, sono stati presi in esame 302 studi di comunità per un totale di 6.216.995 partecipanti (età media 35 anni, rapporto maschi-femmine 0.91).
Questi i risultati:
- la prevalenza globale dell’emicrania è dell’11.6% (95% CI 10.7-12.6);
- la prevalenza per continente è del 10.4% in Africa, 10.1% in Asia, 11.4% in Europa, 9.7% in Nord America, 16.4% in Centro e Sud America;
- a livello demografico, la prevalenza è del 13.8% fra le donne, 6.9% fra gli uomini, 11.2% fra i residenti nelle zone urbane, 8.4% fra i residenti nelle zone rurali, 12.4% fra gli studenti;
- dai dati storici emerge la tendenza a un aumento della prevalenza a livello globale.
Lo studio indica quindi che:
- circa una persona su dieci soffre di emicrania, con oscillazioni significative soprattutto nel continente americano;
- il disturbo colpisce soprattutto le donne, gli studenti e i residenti nelle zone urbane, per cause presumibilmente legate a fattori biologici e agli stili di vita.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti
Potrebbero interessarti anche

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter