EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Emicrania e menopausa: una review narrativa statunitense

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
01/10/2020

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Carolyn Bernstein, Mary A O'Neal
Migraine and menopause: a narrative review
Menopause. 2020 Aug 10. doi: 10.1097/GME.0000000000001635. Online ahead of print
Analizzare le più importanti problematiche cliniche che i medici e le donne con emicrania si trovano ad affrontare durante e dopo la transizione menopausale: è questo l’obiettivo della review narrativa di Carolyn Bernstein e Mary A. O’Neal, Dipartimento di Neurologia del Brigham and Women’s Hospital di Boston, Stati Uniti.
Lo studio, in particolare, affronta quattro domande:
1) in che modo la transizione perimenopausale influenza la prevalenza dell’emicrania?
2) l’interazione cambia in funzione del tipo di emicrania?
3) il rischio di ictus associato all’emicrania aumenta con la terapia ormonale sostitutiva?
4) quali sono le best practice per la terapia dell’emicrania nelle donne perimenopausali?
La review è stata condotta su PubMed dal 2010 al 2020.
Queste, in sintesi, alcune indicazioni:
- molte donne vengono informate del fatto che l’emicrania scompare con la menopausa: ma su questa correlazione esistono solo alcuni dati a favore, non un riferimento temporale certo;
- il rischio di ictus nelle donne affette da emicrania con aura è piccolo in termini assoluti, ma importante a livello di popolazione per la prevalenza dell’emicrania stessa;
- il rischio di ictus in sé diventa anch’esso clinicamente rilevante per l’effetto di ulteriori fattori predisponenti dipendenti dall’età, come l’ipertensione;
- gli estrogeni contenuti nei contraccettivi ormonali combinati aumentano il rischio di ictus, mentre il più basso livello di estrogeni presenti nella terapia ormonale sostitutiva non aumenta in misura significativa tale rischio.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter