Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

14/02/2009

Cistiti recidivanti in menopausa: che cosa le provoca, come prevenirle



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Cistiti recidivanti in menopausa: che cosa le provoca, come prevenirle

Scarica l'intervista:
Cistiti recidivanti in menopausa: che cosa le provoca, come prevenirle
(2.502 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Le cistiti recidivanti, con il loro carico di sofferenza fisica e psicologica, sono una grave conseguenza della menopausa. Caduta dei livelli di estrogeni, problemi intestinali, tensioni muscolari, un’igiene inappropriata sono i fattori che compromettono la salute urogenitale e sessuale della donna, rendendola vulnerabile a infezioni e infiammazioni. E’ però importante sapere che oggi si può agire con efficacia sul fronte della terapia e della prevenzione, scongiurando un destino di dolore e progressiva solitudine. La menopausa, infatti, non è una condizione di declino da accettare con rassegnazione, ma una stagione della vita che – con le cure appropriate, soprattutto ormonali – può ancora regalare momenti di grande gioia e serenità, anche sul piano della sessualità.
Perché in menopausa aumentano le cistiti, soprattutto dopo i rapporti? Quali sono i fattori biologici che favoriscono l’insorgenza della patologia, e la peggiorano nel tempo? Che cosa si può fare per curare l’infezione ed evitare le recidive?
In questa intervista illustriamo:
- come l’ecosistema vaginale sia abitato, in condizioni fisiologiche, da microrganismi “amici” (in particolare, il Lactobacillus Acidophilus) che proteggono la vagina dall’attacco dei germi provenienti dall’intestino (“saprofiti patogeni”);
- perché la carenza di estrogeni indotta dalla menopausa modifica questo equilibrio, predisponendo non solo la vagina, ma anche l’uretra e il trigono vescicale, a infezioni recidivanti e infiammazioni;
- il ruolo della stipsi e di un’igiene non accurata nel peggiorare la vulnerabilità urogenitale alle infezioni, in particolare da Escherichia Coli;
- come la caduta dei livelli estrogenici comprometta anche la capacità dei tessuti perivaginali di congestionarsi durante l’eccitazione e di creare un “manicotto” vascolare che protegge l’uretra e il trigono dal trauma meccanico del rapporto;
- come questa situazione determini, a lungo andare, una contrazione difensiva dei muscoli perivaginali, con dispareunia, blocco della lubrificazione, ulteriore trauma meccanico a carico dell’uretra e progressivo peggioramento del quadro flogistico, in un circolo vizioso sempre più difficile da spezzare;
- perché, in questo contesto, i soli antibiotici non risolvono il problema e, anzi, rischiano di complicarlo;
- come curare e prevenire le recidive: ripristinare l’ecosistema vaginale con la terapia ormonale, anche solo locale; rilassare i muscoli del pavimento pelvico; normalizzare il funzionamento dell’intestino, se alterato;
- perché le donne sono più vulnerabili alle cistiti degli uomini;
- come gli ormoni, se utilizzati sotto controllo medico e sempre personalizzando la terapia (per prodotto, dosaggio, via di somministrazione e attenta valutazione delle eventuali controindicazioni), siano un prezioso alleato della salute della donna, mentre il demonizzarli a priori rappresenti un pessimo modo di fare medicina e cultura scientifica.

top

Parole chiave:
Cistite / Cistite recidivante - Dispareunia - Dolore - Dolore ai rapporti - Ecosistema / Microbiota - Estrogeni - Infezioni - Infiammazione - Menopausa - Pavimento pelvico iperattivo - Stipsi - Terapia ormonale locale - Uroginecologia / Disturbi urinari

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream