Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

30/04/2012

Semeiologia del dolore pelvico cronico


Maria Adele Giamberardino
Semeiologia del dolore pelvico cronico
Congresso Regionale (Emilia Romagna) dell'Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) - Associazione Ginecologi Territoriali (AGITE) - Federazione Nazionale Collegi Ostetriche (FNCO), Simposio su “Il ginecologo e le sindromi dolorose mestruali”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna – Onlus, Modena, 29-31 marzo 2012


Il dolore pelvico cronico (DPC), ovvero “dolore nei quadranti addominali inferiori presente da almeno 6 mesi, continuo o intermittente, non esclusivamente associato a mestruazioni, rapporti sessuali, gravidanza o processi neoplastici” ha una prevalenza del 17%-24% nella popolazione femminile adulta. Di difficile inquadramento fino ad un decennio fa, attualmente si ritiene dovuto ad una combinazione di condizioni algogene pelviche viscerali, neuropatiche e muscoloscheletriche.
L’inquadramento semeiologico del DPC prevede la valutazione del dolore spontaneo ed evocato da stimoli fisiologici, della algosensibilità nelle aree dolenti e non dolenti, nonché dei trigger point miofasciali nei distretti affetti. Esami strumentali/laboratoristici mirati andranno prescritti secondariamente in caso di incertezza diagnostica.

top

Parole chiave:
Dolore neuropatico - Dolore pelvico cronico - Semeiotica medica

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici