EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Microbiota intestinale e dolore vulvare: il ruolo dell'Escherichia coli di Nissle

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
04/06/2018
Graziottin A.
Microbiota intestinale e dolore vulvare: il ruolo dell’Escherichia coli di Nissle
Graziottin A. Murina F. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017, p. 120-124
Le ultime evidenze scientifiche dimostrano come le patologie gastrointestinali – stipsi, diarrea, sindrome dell’intestino irritabile – o semplicemente la disbiosi intestinale, e le patologie ginecologiche e sessuali – vulvodinia, endometriosi, cistiti e candide ricorrenti – siano spesso compresenti nella donna.
Escherichia coli di Nissle è un probiotico strategicamente utile nel trattamento delle comorbilità intestinali associate alla vulvodinia, per interrompere il circolo vizioso del peggioramento dello stato infiammatorio e del dolore cronico.

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter